Euforia in Borsa e su questi titoli che fanno volare Piazza Affari piove una cascata di soldi

Omicron non fa più paura, almeno non lo fa alle Borse che oggi hanno messo a segno una delle migliori sedute dell’anno. Nel Vecchio Continente le Piazze azionarie ieri erano sull’orlo del crollo e oggi hanno chiuso ad un passo dall’euforia. Piazza Affari ha addirittura chiuso in rialzo di oltre 2 punti percentuali.

In questi ultimi 4 giorni l’andamento del mercato è stato influenzato dal sentiment degli operatori nei confronti di Omicron. Le Borse salivano se le notizie riportavano della bassa pericolosità della variante scoperta in Sudafrica. Invece le notizie che facevano pensare ad una maggiore aggressività di Omicron spingevano in basso i prezzi. Omicron condizionerà in questo modo Piazza Affari e i mercati azionari nelle prossime sedute di Borsa, finché perderà progressivamente d’importanza.

Euforia in Borsa e su questi titoli che fanno volare Piazza Affari piove una cascata di soldi

In questi ultimi giorni il titolo Diasorin è stato la cartina di tornasole. Il titolo saliva e Piazza Affari scendeva, se le notizie riportavano di una crescente pericolosità di Omicron. Viceversa Diasorin scendeva e le Borse salivano se si percepiva che la variante sudafricana fosse meno aggressiva della variante Delta.  Lo stesso scenario è accaduto anche oggi. La Borsa di Milano è partita bene e ha chiuso in deciso rialzo mentre Diasorin è stata la peggiore azione tra le 40 blue chip a larga capitalizzazione.

A Milano sono schizzati in alto i titoli che nelle ultime sedute erano stati fortemente penalizzati. Improvvisamente scatta l’euforia in Borsa e su questi titoli che fanno volare Piazza Affari piove una cascata di soldi. Stellantis e CNH, fino a ieri venduti a piene mani, oggi hanno guadagnato rispettivamente il 5,6% e il 3,3%. Anche i titoli dell’energia hanno chiuso in forte rialzo grazie al recupero dei prezzi del petrolio. Tenaris è salita di oltre il 4,1%, Eni ha guadagnato il 2,2%. I bancari hanno avuto la loro giornata di gloria dopo molte sedute al ribasso. Unicredit ha guidato la pattuglia con un rimbalzo del 4%. L’azione è ritornata sopra la soglia degli 11 euro.  BPER Banca ha guadagnato il 2,8% e Intesa Sanpaolo il 2,5%.

Decolla Monte Paschi su indiscrezioni di un nuovo piano di risanamento

Ma la protagonista assoluta della giornata è stata un’altra banca. Monte Paschi Siena ha fatto un balzo del 16,7% grazie ad una indiscrezione. Bruxelles potrebbe concedere altri 18 mesi al Tesoro per la cessione dell’istituto più vecchio del mondo. Nel frattempo il Tesoro, maggiore azionista, farebbe partire un nuovo aumento di capitale e un nuovo piano di risanamento.

Alla fine della seduta l’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso in rialzo del 2,15%, la migliore seduta dal 21 luglio. I prezzi si sono fermati a 26.371 punti.

Approfondimento

Il punto sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te