Euforia in Borsa e acquisti a piene mani a Piazza Affari inondata da una cascata di soldi

Le Borse tornano in corsa con rialzi spettacolari. Una inaspettata euforia ha colto i mercati azionari dopo le tribolazioni delle settimane precedenti. Inflazione ed Omicron sembrano un lontano ricordo.

La corsa dei prezzi non sembra più fare paura, anzi. Il rialzo dei costi di beni e servizi è considerato un elemento che conferma una forte ripresa dell’economia. Lo confermano anche gli ultimi dati macroeconomici. Secondo Eurostat nella zona euro la crescita nel trimestre giugno-settembre è stata maggiore del 2,2% rispetto ai tre mesi precedenti. Su base annua l’aumento è stato del 3,9%. Secondo l’istituto di statistica europeo i consumi delle famiglie sono stati il principale fattore che ha portato questo risultato.

Anche il timore di Omicron sembra oramai un lontano ricordo. La variante sudafricana del Covid 19 che per tre settimane ha terrorizzato i mercati non fa più paura. La sua pericolosità è stata oramai fortemente ridimensionata.

Euforia in Borsa e acquisti a piene mani a Piazza Affari inondata da una cascata di soldi

Gli operatori lasciati alle spalle queste due paure si sono buttati a comprare titoli a mani basse. In particolare le azioni che più avevano perduto nei giorni scorsi sono state al centro dell’attenzione. Dopo l’ottima seduta di ieri oggi in Borsa c’è stata quasi euforia. Quasi nessun mercato azionario ha avuto un segno meno.

In Europa tutte le principali Piazze europee hanno chiuso con rialzi superiori al 2% con l’unica eccezione di Londra e di Madrid. L’indice Euro Stoxx ha guadagnato il 3,5%, la Borsa tedesca è salita del 2,8% e Parigi del 2,9%. La Piazza di Londra e quella di Madrid si devono accontentare di un rialzo dell’1,5%.
I prezzi sono schizzati in alto anche a Wall Street. A metà seduta l’indice Nasdaq guadagnava oltre il 3% e l’indice S&P500 il 2,5%.

L’entusiasmo ha contagiato anche il nostro listino. Infatti oggi c’è stata euforia in Borsa e acquisti a piene mani a Piazza Affari inondata da una cascata di soldi. Il boom dei tecnologici ha spinto ST Microelectronics, il titolo più tecnologico tra i primi 40 per capitalizzazione, in rialzo di quasi il 6%. Tra le blue chip solo 2 titoli hanno chiuso in terreno negativo, Telecom e Snam. Invece oltre la metà delle maggiori 40 azioni, ha chiuso con un rialzo superiore al 2%.

Volano i titoli della galassia FIAT

Gli operatori hanno comprato a piene mani i titoli che erano stati penalizzati nelle scorse settimane. Gli acquisti si sono concentrati in particolare sui titoli della galassia FIAT. Stellantis, CNH, Exor e Ferrari sono state tra le prime 10 blue chip per performance, con rialzi tra il 3% e il 4%. I titoli bancari sono stati più cauti.

Alla fine della seduta l’indice maggiore di Piazza Affari ha terminato in rialzo del 2,4%. I prezzi del Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) hanno chiuso a 27.138 punti.

Approfondimento

Il punto sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te