Esiste una sentinella delle emozioni? 

Sempre di più si sono diffusi gli studi sul comportamento umano, su quali siano le ragioni di uno o più reazioni. Alcuni studi si sono soffermati su come sia formato il nostro cervello e quali zone che hanno un ruolo determinante sui nostri processi cognitivi.

Atti fondati da coscienza ed altri assolutamente inconsci ci fanno comprendere che lo studio del cervello è un mondo in continua esplorazione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Tutte le scoperte ci insegnano ad aggiungere un tassello in più nel nostro bagaglio culturale, importante per comprendere noi stessi e gli altri.

Sarà capitato di chiedersi se in questo universo complesso esiste una sentinella delle emozioni.

In questo articolo, cercheremo di approfondire una parte del nostro cervello, che può dare una risposta a questa domanda.

Dove “si trovano” le emozioni

L’amigdala risiede nella parte più interna di entrambi i lobi temporali del cervello e a livello funzionale fa parte del sistema limbico.

Il termine amigdala deriva dal greco amygdala e significa mandorla, la sua morfologia ne richiama proprio la forma, è molto piccola ed ha grandi potenzialità.

Essa è molto importante regola le nostre emozioni. Grazie ad essa possiamo elaborare stati emozionali come la rabbia, tristezza, felicità, l’aggressività e tanto altro.

Questa gioca un ruolo fondamentale nella formazione e nella memorizzazione di ricordi con sfondo emotivo, soprattuto se ricollegati a stati di paura o dolore.

Infatti viene indicata come responsabile del cosiddetto condizionamento della paura. Si intende uno dei primi processi di apprendimento che insegna ad identificare situazioni di pericolo.

Sequestro dell’amigdala

Grazie all’amigdala siamo in grado di analizzare ogni esperienza, in particolare se ci ritroviamo in una situazione che valutiamo pericolosa, essa scatta come un allarme.

Invia segnali di emergenza a tutte le parti principali del cervello, rilascia degli ormoni deputati alla reazione di attacco o alla fuga in particolare l’adernalina.

Inoltre attiva il sistema cardiovascolare, aumenta il ritmo respiratorio e della pressione.

Da alcuni neurologi è stata accostata all’istinto di sopravvivenza e lo psicologo Goleman ha coniato il termine di “sequestro dell’amigdala” indicando le incontrollate reazioni emotive.

Ci aiuta a richiamare eventi passati, a raccogliere informazioni utile per poter reagire adeguatamente anche in caso di ricompensa.

In ultima battuta potremmo affermare che l’amigdala è anche un “magazzino” contenente tutti i nostri ricordi emozionali.

Quindi esiste una sentinella delle emozioni? Possiamo rispondere certamente di si.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te