Entro quanto tempo va rinnovata la polizza auto?

Tempo fa, per controllare se avevamo pagato la polizza assicurativa, si guardava sul parabrezza dell’auto, dove andava esposto il tagliando. Oggi, quest’ultimo non è più obbligatorio e le forze dell’ordine hanno la possibilità di verificare online la sussistenza della copertura assicurativa. Infatti, agli agenti basta consultare l’apposita banca dati per eseguire l’accertamento. Si presuppone che quella banca dati sia aggiornata ma se così non fosse? In particolare, il problema si può porre se si va in giro con l’auto il giorno stesso del rinnovo. Cioè, può accadere che se si rinnova la polizza lo stesso giorno in cui è scaduta, o anche il giorno prima, l’aggiornamento dei sistemi non avvenga in automatico. Quindi, per stare al sicuro, ci conviene chiederci entro quanto tempo va rinnovata la polizza auto per non rischiare la multa.

La verifica delle forze dell’ordine

Abbiamo detto che le forze dell’ordine controllano la sussistenza della copertura assicurativa consultando una banca dati. Si è detto, anche che questa non è sempre aggiornata in tempo reale. Essa è gestita dall’Ania. Sicchè, in caso di insussistenza del dato, si rischiano sanzioni salatissime.  Cioè, una multa di 868 euro, la detrazione di 5 punti dalla patente ed il sequestro dell’auto. La multa si riduce alla metà (cioè a 434 euro) se avviene la regolarizzazione entro 30 giorni dalla scadenza della polizza. Tuttavia, essa arriva addirittura ad euro 1.736, in caso di recidiva nell’arco di due anni. Ciò che, effettivamente, risulta paradossale è che si possa andare incontro a sanzioni così pesanti, pur avendo regolarmente rinnovato la polizza ogni anno. Il tuto, a causa del mancato aggiornamento della banca dati! Allora, lo strumento per evitare questa sanzioni, quale potrebbe essere?

Come evitare la comminazione delle sanzioni

A questo punto, poiché si capisce che il problema risiede nei tempi del rinnovo, si deve rispondere alla domanda: entro quanto tempo va rinnovata la polizza auto? Come anticipato, infatti, le sanzioni, si rischiano se il rinnovo sia avvenuto troppo a ridosso della scadenza. Quindi, l’unico modo per evitare le predette conseguenze è anticipare i tempi del rinnovo oppure controllare che la compagnia abbia aggiornato la banca dati.

Consigliati per te