Ecco uno dei borghi italiani più affascinanti perfetto per un weekend di vino e cultura

Vino e cultura sono gli ingredienti per una vita piena di soddisfazioni e benessere. Il vino aiuta a stare insieme, permette una più facile socializzazione e ci regala dei gusti eleganti e persistenti. La cultura, invece, ci fa conoscere meglio l’essere umano.

Infatti, quando parliamo di cultura, non dobbiamo immaginarci solo le biblioteche e i libri. Sono le tradizioni, anche orali, che conosciamo e che tramandiamo ai nostri figli. Unire il vino alla cultura è il segno di una persona che vuole vivere una vita piena e completa. E, se abbiamo un weekend libero prossimamente, c’è un borgo nel basso Piemonte che riesce a unire proprio il vino alla cultura.

Per raggiungerlo abbiamo bisogno della nostra macchina, ma ne vale davvero la pena. Ecco, quindi, uno dei borghi italiani più affascinanti perfetto per un weekend di vino e cultura. Scopriamolo insieme.

Le meraviglie dell’Astigiano

Il borgo di cui vogliamo parlare oggi lo troviamo nella lista dei borghi più belli d’Italia. In particolare, si tratta di Cocconato, borgo che ha una storia unica che ancora si vede nel suo centro abitato.

L’origine è sicuramente medievale e gli storici attestano che, fin dal sedicesimo secolo, la famiglia Radicati governava la città. Ci troviamo in un borgo dell’astigiano, con le colline coperte di boschi e di vigne, che formano un cerchio attorno alle case.

Ciò che differenzia l’astigiano dalle Langhe è proprio la presenza più importante di boschi e meno terreni coltivati a vite. I vini dell’astigiano sono conosciuti in tutto il Mondo e qui basterà ricordare l’intramontabile Barbera d’Asti.

Ecco uno dei borghi italiani più affascinanti perfetto per un weekend di vino e cultura

Oltre all’architettura del centro abitato e ai vini da assaggiare, quando andiamo a Cocconato non possiamo perderci un’incredibile manifestazione culturale. Si tratta di un palio davvero unico al Mondo in cui, invece dei cavalli, corrono gli asini.

La festività corre durante l’ultima domenica di settembre e ha una particolarità: dato che correre con gli asini è praticamente impossibile, li si incitano a correre. Cocconato per l’occasione si divide in vari “borghi” con tutti una squadra di rappresentanza costituita da due membri di ogni borgo. La squadra che vince questa competizione può tenere per un anno intero il gonfalone di Cocconato.

Approfondimento

Il borgo pieno di colori, sapori, emozioni e vini per delle vacanze italiane indimenticabili.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te