Ecco quanto dimagrire secondo la scienza per ridurre il rischio di questo tumore durante la menopausa

Avere uno stile di vita sano può aiutare a prevenire l’insorgere di brutte malattie, anche dei tumori. Quando si parla di stile di vita sano si intende soprattutto mangiare bene e fare attività fisica.

Questo connubio di regole può fare la differenza, specialmente nei momenti più delicati della vita. Tra questi c’è sicuramente la menopausa. In questa fase, il corpo subisce grandi stravolgimenti e diventa più vulnerabile e attaccabile da alcune malattie. Una di queste è il tumore all’endometrio. Ma un’autorevole ricerca americana ha scoperto quanto l’attività fisica, unita a una dieta sana, possa aiutare a prevenire questa malattia.

Ecco quanto dimagrire secondo la scienza per ridurre il rischio di questo tumore durante la menopausa

A quanto dice la Società Europea di Oncologia Medica, due donne su cento hanno il tumore dell’endometrio nell’arco della vita. Degli 88.000 nuovi casi all’anno, la maggior parte dei pazienti hanno più di 50 anni. Per questo, il rischio si acuisce in menopausa o subito prima della menopausa. Un altro fattore, che sembra incida parecchio sulla malattia, è il grasso corporeo. I soggetti sovrappeso sembrano avere un rischio pari al doppio di quello dei soggetti normopeso. Un recente studio americano avvalora questa tesi, ma vede il bicchiere mezzo pieno. Lo studio ha svelato che perdendo il 5% del peso corporeo nei tre anni successivi alla sospensione del ciclo mestruale, il rischio di tumore calerebbe del 66%. Dunque, ecco quanto dimagrire secondo la scienza per ridurre il rischio di questo tumore durante la menopausa. Sempre secondo la ricerca, il beneficio derivante dal dimagrimento durerebbe in media 11 anni.

Una ricerca americana attesta la relazione tra dimagrimento e prevenzione

La ricerca è stata portata avanti dagli studiosi dell’Università dell’Indiana. Successivamente, i risultati sono stati pubblicati sul “Journal of Clinical Oncology”. I ricercatori hanno monitorato un campione di 36.000 donne, tutte comprese tra i 50 e i 79 anni di età. Il monitoraggio consisteva nel calcolo del peso corporeo e dell’indice di massa grassa all’inizio e alla fine dello studio (dopo 3 anni). L’obiettivo, infatti, era proprio quello di capire se e quanto il peso potesse influire sull’insorgere del tumore all’endometrio.

Stando ai risultati, i ricercatori hanno osservato una sensibile variazione del rischio della malattia corrispondente con il dimagrimento. I benefici principali si avrebbero se il dimagrimento avviene nei tre anni successivi alla sospensione del ciclo. Riducendo il peso del 5%, i ricercatori hanno registrato un abbassamento del rischio dal 29% fino al 66%.

Lettura consigliata

Ecco quanto camminare ogni settimana in menopausa per dimagrire velocemente ed eliminare le vampate

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te