Ecco quante castagne mangiare per un pieno di fibre senza ingrassare e controllare la pressione arteriosa

Con l’arrivo dell’autunno tutto si colora d’oro e d’ambrato e i profumi della natura diventano più forti e inebrianti. Ma l’odore che più colpisce in autunno è quello delle castagne, il frutto autunnale per eccellenza. E cosa c’è di più buono di un caldo cartoccio di castagne arrostite, mangiate per strade durante un pomeriggio freddo d’autunno?

Questo frutto, piace poi, proprio a tutti, grandi e piccini, ma molti ne stanno alla larga per la convinzione che facciano ingrassare. Ma è proprio il contrario. Infatti, ecco quante castagne mangiare per un pieno di fibre senza ingrassare e controllare la pressione arteriosa. Mangiarne nella misura giusta, infatti, oltre a far bene alla nostra salute, può aiutarci a restare in forma.

Mangiare sano e bilanciato e avere uno stile di vita attivo, lontano da fumo e abusi d’alcol, sono regole fondamentali per il benessere quotidiano. Questo modus vivendi può diminuire notevolmente il rischio di malattie anche gravi, come quelle cardiovascolari e tumori. Proprio come illustrato nell’articolo “Ecco che cavolo mangiare per rafforzare il sistema immunitario a 60 anni”. Un segreto per mangiare sano e in maniera variegata è portare in tavola i prodotti tipici di stagione, come la zucca, i cavoli, i funghi e le castagne. Ad esempio si potrebbe fare un pieno di vitamina D con questo contorno tipicamente autunnale contro i dolori articolari.

Ecco quante castagne mangiare per un pieno di fibre senza ingrassare e controllare la pressione arteriosa

Le castagne a differenza degli altri frutti a guscio presentano una bassa percentuale di lipidi ed è un’ottima fonte di acido oleico, presente soprattutto nell’olio d’oliva, e acido linoleico. Entrambi molto importanti per la salute cardiovascolare.

Sono inoltre un’ottima fonte di fibre che aiutano a mantenere il colesterolo nella norma, nonché a proteggere il sistema gastrointestinale da tante patologie. Sono inoltre molto ricche di sali minerali importanti per il fabbisogno del nostro organismo, come il potassio che contribuisce a controllare la pressione arteriosa e il magnesio. Ma quante mangiarne per non apportare troppi carboidrati?

Ovviamente, come per tutte le cose, è importante non esagerare nel consumo, ma mangiarne nella misura giusta per apportare benefici alla nostra salute. Pertanto, la dose consigliata è di quattro o cinque castagne come spuntino. Infatti, grazie al loro contenuto di amido e fibre, rilasciano un senso di sazietà, senza farci arrivare affamati a tavola. In tal modo, oltre ai vantaggi di uno spuntino con un frutto delizioso e nutriente come le castagne, riusciremo a controllare i morsi della fame.

Approfondimento

Ecco i super biscotti con questa farina poco utilizzata ma che potrebbe aiutare a ridurre glicemia e colesterolo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te