Ecco quali sono in Piemonte i piccoli borghi green ecosostenibili per chi vuole andare a vivere lontano dalle città

Dopo varie esperienze di turismo lento e responsabile, qualcuno si è deciso davvero a fare il grande passo. È ora di andare ad abitare fuori dalle metropoli. E di scegliere una vita da lavoratore pendolare o in smart working. Pur di abitare nel verde e in mezzo a iniziative eco-sostenibili.

Nell’ultimo anno sono state prese d’assalto da nuovi residenti tante mete marginali. Quei borghi che hanno sempre fatto della qualità ambientale un fattore chiave della propria offerta turistica.

Per decenni hanno sofferto il silenzio e l’abbandono. Ci voleva una pandemia per farli rinascere a nuova vita. Ecco quali sono in Piemonte i piccoli borghi green ecosostenibili per chi sogna una casa fuori dal traffico di Torino e Milano. Li ha scoperti la Redazione di ProiezionidiBorsa.

Ecco quali sono in Piemonte i piccoli borghi green ecosostenibili per chi vuole andare a vivere lontano dalle città

Il progetto “Piccoli Borghi Sostenibili” è nato in Piemonte nel 2008 grazie all’Assessorato al Turismo della Regione. Con il supporto tecnico del parco scientifico tecnologico Environmental Park.

Le buone pratiche di questi piccoli centri sono molto interessanti per chi è a caccia di “green life”: impianti ecologici, strutture in bioedilizia, cura del paesaggio, enogastronomia e tutela della cultura identitaria di un territorio.

I più interessanti sono quelli delle aree montane come Garessio in provincia di Cuneo, Vogogna in provincia di Verbania e Massello nella provincia di Torino. Ma ci sono anche le rive dei laghi di Avigliana e Ameno, in provincia di Novara.

Piccoli borghi con musei mignon dedicati a tematiche naturali

Ecco quali sono in Piemonte i piccoli borghi green ecosostenibili per chi vuole andare a vivere lontano dalle città. Garessio si distingue per un parco eolico e un museo geo-speleologico molto interessante per i turisti appassionati di grotte.

Tra i boschi di latifoglie e le praterie del monte Ghinivert, c’è Massello, un Comune ricchissimo di specie animali e vegetali. Propone una pista forestale ecologica e una riserva di pesca no-kill, un percorso per ipovedenti.

Anche Acceglio, in provincia di Cuneo, è un angolo suggestivo delle Alpi, frequentato da chi ama gli sport outdoor. Tra le sue bellezze l’Alpine Wonderful Trail, un anello di 34 km con un dislivello di 2.400 metri.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te