Ecco quali saranno concretamente i lavori che beneficeranno del Recovery Fund

Poco più di una settimana fa è stata approvata la prima tranche di fondi del progetto NextGenerationEU (NGEU), meglio conosciuto come Recovery Fund.

Questo progetto è strutturato in circa 10 rate, di importante valore economico, che rispettano condizioni pattuite tra lo Stato e l’Unione Europea.

I pilastri entro cui si muove questo progetto di riforme sono condivisi da tutti gli Stati membri e sono:

  • la ricerca e l’innovazione;
  • le transizioni climatiche e digitali eque;
  • la modernizzazione di politiche tradizionali;
  • la salute;
  • la lotta ai cambiamenti climatici;
  • la protezione della biodiversità;
  • la parità di genere.

Ogni Paese ha presentato il suo progetto, che è stato valutato ed eventualmente riadattato.

Per l’Italia il piano prevede anche una velocizzazione delle strutture burocratiche, individuate già in precedenza come forte ostacolo alla ripresa economica.

Ecco quali saranno concretamente i lavori che beneficeranno del Recovery Fund

Le categorie dei lavoratori, va da sé, che non saranno tutto toccate in egual misura. Alcuni settori, infatti, beneficeranno maggiormente delle introduzioni e riforme politiche.

Primo fra tutti sarà il settore della ricerca ad essere toccato.

Si è vista la necessità permanente di migliorare costantemente tutta la fase di ricerca e sviluppo, sia in campo sanitario che ambientale.

Allo stesso modo tutto il comparto edilizio potrà beneficiare degli aiuti: saranno necessari diversi interventi per la messa in sicurezza di diverse zone d’Italia e inoltre si finiranno alcuni storici cantieri.

La transizione digitale toccherà in modo trasversale tutte le professioni, ma sicuramente chi lavora nel comparto dei servizi digitali potrà vedere un aumento del lavoro.

Anche la transizione ambientale non sarà scontata e darà nuova vita a comparti rimasti bloccati.

Il settore educativo ed il Terzo Settore riceveranno fondi per portare avanti le politiche contro la disparità di genere per garantire le pari opportunità.

Ecco quali saranno concretamente i lavori che beneficeranno del Recovery Fund, almeno sulla base delle previsioni di progetto.

Consigliati per te