Ecco quale vino economico scegliere per la sangria ma anche per la pizza e il brasato

Scegliere il vino giusto per accompagnare le nostre ricette o per servirle a tavola è la chiave di volta per fare una bellissima figura con tutti.

Serve un po’ di conoscenza sul mondo del vino ma soprattutto un pizzico di intuito. Certo, più vini beviamo più ci ricordiamo dei loro sapori e dei loro aromi, ma non dobbiamo per forza conoscerli tutti per scegliere bene. Ci potremmo affidare agli esperti del settore e imparare alcuni abbinamenti di base.

A tal proposito, ecco quale vino economico scegliere per la sangria e per altre comuni preparazioni.

Sangria

Partiamo dal nome. Sangria è una parola che naturalmente viene dallo spagnolo e i suoi legami con il sangue sono evidenti. Naturalmente, si tratta del colore della sangria che dovrebbe ricordare a tutti quello del sangue.

In particolare, però, quando si deve scegliere il vino da cui partire per prepararla ci sono due scuole di pensiero. Ci sono coloro che preferiscono dei vini strutturati e corposi mentre altri puntano tutto su vini fruttati e poco aggressivi.

Gli spagnoli sceglierebbero il tempranillo, vino per tutte le stagioni. Ci sono dei tempranillo molto tannici e strutturati e altri invece molto più tranquilli e leggeri.

Altrimenti, si potrebbe optare per una garnaccia che in Italia troviamo coltivata in Sardegna. Se invece vogliamo optare per dei vini che conosciamo meglio e che sono molto più strutturati pensiamo al Primitivo di Manduria e il Nero d’Avola.

Ecco quale vino economico scegliere per la sangria ma anche per la pizza e il brasato

La pizza fa rima con birra in quasi tutte le pizzerie italiane. L’abbinamento con la birra è assodato e duraturo, ma anche il vino può regalare grandi soddisfazioni agli amanti della pizza.

In particolare, se scegliamo un buon sauvignon della valle della Loira francese o del Veneto siamo sicuri di fare la scelta giusta.

Con le pizze ricche di ingredienti, invece, puntiamo sulle bollicine che ci aiutano a bilanciare di più la complessità dei diversi alimenti usati. Quindi, un buon Trento Doc o un buon Franciacorta sono i vini che fanno al caso nostro.

Infine, per il brasato dobbiamo puntare sul rosso. Se prepariamo il brasato al Barolo, scegliamo naturalmente un buon barolo. Se invece abbiamo un brasato molto vegetale, la scelta del Cabernet Sauvignon è ottimale perché questo vitigno sviluppa dei sentori vegetali di peperone che ben si accompagnano alla carne.

Approfondimento

Pochi comprano il vino perfetto per una serata romantica e piena di sensualità

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te