Ecco perché le gambe più belle sono quelle con questa caratteristica unica, secondo la tradizione

Si sa, le gambe sono una delle parti del corpo che fanno dannare di più le donne. In molte sognano infatti di avere gambe toniche, lunghe e dritte. Ottenere le gambe da sogno è però difficile, e spesso anche inutile. Non sembra infatti esserci un vero accordo su quali siano le gambe più belle. La cultura popolare ha però una sua opinione. Ecco perché le gambe più belle sono quelle con questa caratteristica unica, secondo la tradizione.

I tre “buchi”

Secondo la cultura popolare le gambe più belle sembrano infatti essere quelle con i tre cosiddetti buchi. Possiamo scoprire velocemente se anche le nostre gambe sono fatte così. Questo test è infatti facilissimo e richiede meno in un minuto. Prima di tutto bisogno mettersi in piedi e tenere le gambe nude ben dritte. Ora dobbiamo chiudere le gambe facendo toccare i lati dei piedi e le ginocchia. Non bisogna però stringere troppo le gambe.
A questo punto dobbiamo contare quanti “buchi” si sono formati nello spazio tra le gambe. Secondo la tradizione, infatti, dovrebbero formarsi tre buchi attraverso i quali possiamo far passare almeno un dito. Il primo è quello tra le cosce. Queste devono toccarsi, separarsi formando questo buco e poi toccarsi di nuovo. Il secondo buco si crea invece sotto le ginocchia e prima dell’inizio del polpaccio. Il terzo è invece in concomitanza con le caviglie.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Tante mode

Questi buchi permetterebbero di identificare le gambe toniche e dritte: ecco perché le gambe più belle sono quelle con questa caratteristica unica, secondo la tradizione. Se le nostre gambe non rispondono a queste caratteristiche non dobbiamo però preoccuparci. Si tratta infatti solo di una tradizione che non ha fondamento. La bellezza, si sa, è nell’occhio di chi guarda. Le mode, inoltre, hanno portato alla ribalta tanti tipi di gambe diverse.
Molte di queste non rispondono nemmeno a questo standard. Un esempio?

Per anni tutte sognavano di avere il cosiddetto thigh gap. Secondo questa moda le cosce non dovevano proprio toccarsi. In questo caso è quindi impossibile avere il primo buco. Possiamo quindi fare questo test per pura curiosità, tenendo a mente che se non rispondiamo a questo standard non c’è comunque niente che non va nelle nostre gambe!

Consigliati per te