Ecco perché in tanti si stanno convertendo al latte di capra

Nell’antica Grecia era l’alimento col quale crescevano forti e robusti sia gli atleti che i soldati: il latte di capra. Ancora oggi nella meravigliosa Ellade, i prodotti di capra costituiscono una parte importante dell’alimentazione locale. In Italia invece tendiamo ad utilizzare maggiormente il latte di mucca tradizionale dei nostri allevamenti. Molti consumatori però stanno aumentando anche nel nostro paese l’utilizzo dei derivati del latte di capra. Pochi infatti sanno, che a differenza dei concorrenti, una volta imbottigliato, è quello che mantiene di più le sue caratteristiche originali. Ecco perché in tanti si stanno convertendo al latte di capra, come spiegano in questo articolo i nostri Esperti.

I valori nutrizionali

100 gr di latte di capra contengono 75 cal. e le percentuali di nutrienti sono date dal 57% di lipidi e dal restante 43% di proteine e carboidrati. Sempre più spesso le aziende alimentari utilizzano nella produzione yogurt di successo. Ciò perché i dietologi inseriscono il latte di capra in molte diete alimentari.

Tutti i suoi benefici

Il latte di capra può portare veramente tanti benefici a coloro che lo utilizzano:

a) aiuta le funzioni cardiovascolari;

b) velocizza il metabolismo;

c) migliora la digestione;

d) previene l’osteoporosi;

e) rinforza denti e ossa.

Il suo basso contenuto di lattosio fa sì che questo tipo di latte sia particolarmente indicato a tutti coloro che soffrono di intolleranze e antipatici gonfiori di pancia.

Ricco di calcio e potassio

Paradossalmente, pur non essendo tra i prodotti caseari più dietetici, la concatenazione dei suoi ingredienti e nutrienti permette al metabolismo di velocizzare l’azione di smaltimento. Sembra incredibile ma il fosforo, il potassio, il calcio e la taurina di cui abbonda aumentano la qualità e la quantità della nostra digestione. Non solo, perché aiutano il sistema immunitario a rinforzarsi e sistema nervoso a mantenersi equilibrato. Non per niente, come dicevamo all’inizio, era utilizzato dai più forti eserciti dell’antichità, fino all’arrivo dei legionari di Roma. Ecco perché in tanti si stanno convertendo al latte di capra.

Approfondimento

Non gettare il rosmarino usato

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te