Animali

Ecco perché il nostro cane ci segue dappertutto in casa e non è solo perché ci ama

Sarà capitato a moltissimi proprietari di cani di vedersi sempre seguiti in giro per casa dal proprio amico a quattro zampe. Il cane ci tallona in cucina, in camera da letto, mentre facciamo le pulizie e persino in bagno. I suoi occhi seguono ogni nostra mossa e il cane copia ogni nostro passo. Questo comportamento di solito non deve destare preoccupazione: il cane può essere solo curioso. Ma se diventa eccessivo, potrebbe interferire con le nostre attività quotidiane. Ma per correggere questo comportamento, dobbiamo prima capire perché si verifica.

Ecco perché il nostro cane ci segue dappertutto in casa e non è solo perché ci ama

Molti pensano che il cane stia sempre attaccato al padrone per affetto e amore. Questo è sicuramente vero in molti casi, ma spesso c’è di più. Siamo quasi sempre noi a incentivare questo comportamento senza rendercene conto. Vediamo in che modo. Ecco perché il cane ci segue dappertutto in casa e non è solo perché ci ama.

Ha imparato che ha dei vantaggi quando sta vicino a noi

Pensiamoci un attimo: qual è la nostra reazione quando il nostro batuffolo peloso ci segue in giro? La maggior parte di noi non sa resistere: gli facciamo una carezza, lo coccoliamo, gli diamo attenzioni e se stiamo sgranocchiando qualcosa, gli diamo anche un

bocconcino prelibato. Ecco svelato il mistero: il cane ci segue perché ha imparato molto in fretta che stare vicino a noi gli porta dei vantaggi. Ecco perché è in realtà il nostro comportamento a causare, o per lo meno incentivare, il comportamento del cane.

Attenzione però a non confondere un cane che ci segue perché vuole attenzioni, da uno che ci segue perché ansioso e spaventato.

Non confondiamo questo comportamento con l’ansia da separazione

Molti cani, soprattutto quelli che hanno trascorso la maggior parte del tempo da cuccioli a stretto contatto con il padrone, possono sviluppare l’ansia da separazione. Il cane in questi casi è agitato e ansioso quando viene lasciato solo, si mostra impaurito e incapace di concentrarsi su altro.

Se l’ansia da separazione è grave, dobbiamo rivolgerci a

un educatore canino che ci aiuterà a risolvere il problema. Altrimenti, possiamo fare degli ‘esercizi’ a casa per aiutare il nostro cane a rimanere tranquillo quando è da solo. Per esempio, possiamo entrare e uscire molte volte da una stanza fino a quando il cane si stanca di seguirci. Allungando poco per volta i periodi in cui siamo assenti, il nostro amico imparerà a rimanere solo senza agitarsi.

Lettura consigliata

Ecco le tre razze di cani che soffrono meno la solitudine se passiamo tante ore fuori casa.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)
Condividi
Giulia Bonino
Pubblicato da
Giulia Bonino

ProiezionidiBorsa.it usa cookies propri e di terze parti per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy.

Dettagli