Ecco l’errore che molte persone commettono ogni giorno mettendo a rischio la propria salute e quella dei loro cari

La pandemia che ha coinvolto tutto il mondo nell’ultimo anno ha stravolto le abitudini quotidiane della maggior parte della popolazione. Mentre fino allo scorso anno il pranzo e in molti casi anche la colazione venivano consumati in bar e ristoranti, da qualche tempo la casa è la regina dei pasti. Ma calibrare la spesa con le nuove esigenze della famiglia non sempre è un risultato facile da ottenere.

Per non incorrere nei tanto odiati sprechi alimentari si fa spesso uso e abuso del freezer. Ma quella che può sembrare una salvezza nasconde anche alcune insidie da tenere sempre bene a mente.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ecco l’errore che molte persone commettono ogni giorno mettendo a rischio la propria salute e quella dei loro cari

Ci sono volte in cui per errore si comprano più cose rispetto a quelle realmente necessarie. Questo è un problema particolarmente fastidioso specialmente per i prodotti più costosi e facilmente deperibili come carne o pesce.  Per rimediare si decide di congelare. Questo passaggio però deve essere fatto nei tempi giusti.

In pochi sanno che il congelamento degli alimenti non blocca la proliferazione batterica, causa del deterioramento del cibo, ma riesce solo a rallentarla. Questo vuol dire che se si mette nel freezer della carne poco prima della data di scadenza riportata sulla confezione la carica batterica con cui si sta congelando è già molto alta. Nel congelatore i batteri, anche se più lentamente, continueranno a proliferare.  La carne, ad esempio, raggiungerà livelli pericolosi in pochi giorni. Il rischio che si corre se si mangia dopo alcune settimane? Un’intossicazione alimentare che a seconda della gravità può causare mal di pancia, vomito, diarrea o addirittura danni all’organismo.

Quindi è bene ricordare che se si decide di congelare un alimento per non avere problemi bisogna farlo al massimo dopo 1 o 2 giorni dall’acquisto.

Ecco, dunque, l’errore che molte persone commettono ogni giorno mettendo a rischio la propria salute e quella dei loro cari.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te