Ecco le piccole attenzioni che rendono felice il nostro cane

I nostri amici a quattro zampe dal momento in cui entrano in famiglia ne diventano parte integrante. Avere un animale in casa è fonte di gioia ma non bisogna mai dimenticare che si tratta di esseri viventi. Come tali, provano emozioni e hanno una certa dose di sentimenti. Possono essere tristi, felici ma anche infastiditi e stressati.

Spesso lo stress dei cani è collegato al comportamento dei loro padroni. Infatti, i cani tendono ad assorbire l’umore dei loro umani e lo stress è una di quelle cose molto contagiose.

Ma ci sono determinati eventi che, più di altri, provocano fastidio nei nostri amici a quattro zampe. La maggior parte di queste sono legate a rumori. Questo perché, si sa, l’udito dei cani è estremamente più sviluppato rispetto a quello umano e qualsiasi minimo rumore può trasformarsi in un grande disturbo.

Ma ecco alcuni tra i rumori che più creano ansia nei nostri amici.

Fuochi d’artificio e temporali

Specialmente nel periodo di Capodanno sui social network e in televisione si susseguono post e spot per sensibilizzare le persone sull’argomento botti.

Questo perché i botti sparati a Capodanno e, in generale, i fuochi d’artificio, hanno un impatto tremendo sulla psiche degli animali. Non è raro sentire di cani scappati dalle loro case in preda al panico dovuto a botti o forti rumori.

Sempre sulla scia dei rumori molto forti si inseriscono i temporali estivi. Il rumore dei tuoni spaventa gli animali.

Per questo motivo una piccola attenzione per rendere felice il nostro cane è quella di permettergli di rifugiarsi all’interno dell’abitazione per ripararsi dai rumori.

“Ci vogliono i riti!”

“Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… ci vogliono i riti!”

Questa famosissima frase tratta dall’opera “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry rispecchia bene l’animo semplice dei cani e degli animali in generale.

I cani, infatti, sono esseri semplici e molto abitudinari. Non c’è nulla che li stressa maggiormente di cambi di programma all’ultimo minuto. Se sono abituati a ricevere il cibo o a uscire in passeggiata a una certa ora nulla li disturberà di più di un ritardo prolungato.

Per questo motivo sarebbe bene cercare di evitare grandi cambiamenti in questo senso.

Ecco delle piccole attenzioni che rendono felice il nostro cane e che gli evitano periodi di tremendo stress.

Consigliati per te