Ecco la sfida per tornare in forma con soli 100 respiri

Respirare è un’azione che fanno tutti, ma quante persone fanno caso a come respirano ogni giorno? Grazie alla Redazione si è già visto come stare bene andando a dormire e svegliandosi secondo certi criteri ad esempio ma, nelle prossime righe si farà un passo in avanti.

Pochi sanno che grazie a una respirazione corretta si migliora la qualità del sonno, la postura. Anche stati emozionali come ansia e paura vengono aiutati da un buon respiro. Ma non solo. Una buona respirazione aiuta tutto l’organismo a stare meglio, a partire dal sistema cardiocircolatorio. A quello linfatico, ai polmoni, aiuta ad eliminare le tossine e la funzionalità viscerale. Secondo alcuni studi aiuta anche a perdere peso.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ecco la sfida per tornare in forma con soli 100 respiri

Questi 100 respiri devono seguire certe caratteristiche. Devono essere circolari, non dev’esserci cioè alcuna pausa tra un respiro e l’altro. Poi devono essere fatti con la pancia. Per capire meglio come basta appoggiare una mano sulla propria pancia e farla alzare e abbassare.

Devono essere respiri fatti con la bocca aperta e devono essere rilassati. In questo modo si avrà la respirazione perfetta per portare beneficio a tutto il corpo. Meglio fare una prova, farlo è più facile che leggerlo. Basta fare cinque o sei respiri in questo modo. Circolari, rilassati, nella pancia e con la bocca aperta.

Se facendoli si sente un formicolio o un piccolo giramento di testa, significa che il corpo e il cervello stanno chiedendo a gran voce di ricevere più ossigeno. Non per tutti sarà così, fortunatamente, ma ecco la sfida per tornare in forma con soli 100 respiri. Una volta al giorno, per un mese.

Quando farli?

L’ideale è farli al mattino prima di colazione o lasciando passare almeno mezz’oretta dopo averla fatta. Per iniziare a respirare ci si darà una piccola mano, saltando. Basta mettere una canzone ritmata e che piaccia.

A ritmo di musica (3 minuti circa) e saltando si alzeranno le braccia inspirando, si abbasseranno espirando, sempre a bocca aperta. Durante questa canzone bisogna ricordare tutto ciò che è stato detto prima sul come respirare.

La seconda e ultima parte consiste nel continuare a respirare ma stando seduti. Si metterà una seconda canzone, più tranquilla questa volta, anche qui della durata di 3 minuti. Se nella prima si balla e si salta, nella seconda parte bisognerà ricordarsi di rilassarsi.

Se ci si sente affaticati, torna il formicolio o il leggero giramento di testa, l’unica cosa da fare è continuare a respirare. Finché si respira va tutto bene. Terminate le due canzoni ci si prende un momento di tempo e poi si parte per la propria giornata. Dopo un mese, si vedranno risultati incredibili e farà strano attribuire tutto questo solo grazie a 100 respiri.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te