Ecco il metodo infallibile usato dalle nostre nonne per conservare a lungo le patate

Le patate sono fra gli ortaggi più coltivati al mondo. La raccolta generalmente si svolge in piena estate, ma possiamo trovarle tutto l’anno nei supermercati e fruttivendoli di fiducia.

C’è chi preferisce raccoglierle quando la pianta è ancora verde e, in questo caso, parleremo di patate novelle. Tra l’altro, in pochi sanno che sono queste le migliori patate di stagione per preparare dei contorni davvero fuori di testa.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Tuttavia, una delle problematiche più frequenti, riscontrate dopo la raccolta, è proprio la conservazione.
In questo articolo sveleremo un trucco che ha origini antichissime e che ci permetterà di non utilizzare il frigorifero.
Infatti, ecco il metodo infallibile usato dalle nostre nonne per conservare a lungo le patate.

Qualche consiglio preliminare

Se acquistiamo le patate, spesso sono già pulite e pronte per essere conservate e consumate.
Ma se le abbiamo appena raccolte, il discorso cambia e dobbiamo procedere in questo modo.
Innanzitutto puliamole da eventuali residui di terra; dopo di che lasciamole ad asciugare per qualche giorno in un luogo fresco e buio.

Durante questa fase sarà importante monitorare la temperatura dell’ambiente in cui abbiamo deciso di conservarle. Al di sopra dei 10 gradi, infatti, le patate inizieranno a germogliare, rovinando la qualità del tubero.

Ecco il metodo infallibile usato dalle nostre nonne per conservare a lungo le patate

Messi in chiaro questi accorgimenti, ora sveleremo una soluzione pratica, economica ed efficace per conservare al meglio le patate. Che siano appena raccolte, o comprate, basterà infatti utilizzare la sabbia, proprio come facevano le nostre nonne.

Avremo bisogno soltanto di sabbia leggermente umida e non bagnata. Possiamo raccoglierne un po’ prima di andare via dal mare, oppure acquistarla in negozi specializzati.

Una volta procurata, prendiamo un ampio contenitore, come ad esempio un bidone, e versiamoci all’interno un primo strato di sabbia. Ora adagiamo le nostre patate disponendole ad un paio di centimetri una dall’altra. In questo modo creeremo un ambiente perfetto per la loro conservazione.

Dopo di che, ricopriamo le patate con un altro strato di sabbia, fino a sommergerle del tutto.
Terminate queste operazioni, sistemiamo il contenitore in un luogo buio, fresco ed asciutto, lontano da fonti di calore. Con questo ingegnoso stratagemma, le patate potrebbero conservarsi anche per 6 mesi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te