Ecco i segreti della nonna per avere una scorta di gustose albicocche tutto l’anno e una riserva di spuntini con poche calorie

L’albicocca è un frutto estivo che sembrerebbe ottimo per avere una splendida pelle. È altamente digeribile e poco calorico. La buccia vellutata e la polpa carnosa rendono anche l’idea della sua spiccata capacità di donare un piacevole senso di sazietà.

Le nostre nonne sapevano quanto fosse importante avere una scorta di alimenti in dispensa. Dunque si adoperavano secondo la stagionalità per conservare tutto ciò che volevano consumare anche durante il resto dell’anno.

Ecco i segreti della nonna per avere una scorta di gustose albicocche tutto l’anno e una riserva di spuntini con poche calorie

I barattoli e le conserve sono tipici delle nostre nonne. Le albicocche possono essere sciroppate. Per 1 chilo di albicocche serviranno 1 limone, 400 grammi di zucchero e 2 litri d’acqua.

Dopo aver lavato i frutti e averli privati del nocciolo, dovremo lasciarli in ammollo in un litro d’acqua con l’aggiunta del succo del limone. L’altro litro d’acqua dovrà essere portato ad ebollizione con lo zucchero e la scorza dell’agrume. Quando bolle si dovranno immergere le albicocche e scottarle per 5 minuti. Estrarremo poi le albicocche e faremo bollire lo sciroppo per altri 8 minuti. I frutti scottati potranno essere disposti nei barattoli e coperti a filo dallo sciroppo, pronti per essere conservati.

L’essiccazione è un altro metodo per gustare le albicocche anche in inverno. Potremo mangiarle per uno spuntino dietetico consumandone circa 30 grammi al giorno. Sono un ottimo snack ricco di fibre e minerali. L’essiccazione può avvenire al sole o utilizzando essiccatori. Sono da preferire quelli orizzontali perché consentono un’essiccazione più uniforme. Se si vogliono seguire i metodi tradizionali, si potranno sistemare le albicocche su una teglia ricoperte con un panno di cotone. Il panno dovrà essere cambiato giornalmente e la frutta dovrà restare al sole per circa una settimana o comunque fino a che non avrà cambiato colore. Una volta essiccate possono essere conservate in un barattolo con coperchio a vite.

Albicocche a colazione anche in autunno e inverno

La marmellata è un must per una colazione sana. Quindi ecco i segreti della nonna per prepararla in casa secondo la tradizione. Per 1,2 chilogrammi di albicocche utilizzeremo 200 millilitri d’acqua e 700 grammi di zucchero.

La preparazione è semplice e consentirà di avere in casa una riserva di questo delizioso frutto estivo. Inoltre, sapremo di portare in tavola un alimento sano. Le albicocche dovranno essere lavate, private del nocciolo e ridotte in piccoli pezzi.

Nel frattempo, porteremo a bollore l’acqua con lo zucchero. Quando bolle, verseremo lo sciroppo sulle albicocche e continueremo a cuocere per circa mezz’ora mescolando. Spegneremo il fuoco quando avremo raggiunto la giusta consistenza. Verseremo la marmellata nei vasetti sterilizzati e li lasceremo capovolti fino a che non si saranno raffreddati. Si può scegliere di prepararla senza zucchero. In questo caso si dovranno utilizzare albicocche molto mature e 50 grammi di mela. Basterà cuocere senz’acqua la frutta a dadini a fiamma molto bassa e mescolando di continuo. Quando sarà densa al punto giusto si potrà versare nei barattoli.

Lettura consigliata

Non facciamo l’errore di buttare la buccia dei pomodori perché può diventare un goloso condimento per pasta, carne e pesce

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te