Ecco cosa fare per non distruggere le difese più antiche del nostro corpo 

Per difendere la salute bisogna pur avere un esercito in forma. Purtroppo abitudini sbagliate rischiano di distruggere in poco tempo quello che il corpo umano ha creato in centinaia di migliaia di anni, producendo, infiammazioni, cancro, diabete ecc. Ecco allora cosa fare per non distruggere le difese più antiche del nostro corpo.

Un organo vecchio di decine di migliaia di anni

Se prendessimo un pezzettino del nostro intestino ci racconterebbe di quanto antico sia il nostro corpo. Potremmo cominciare un vero e proprio viaggio all’indietro nel tempo. Vedremmo che su quel piccolo brandello di carne vivono milioni di microscopici organismi, che in un lungo tempo di centinaia di migliaia di anni si sono aggiunti un poco alla volta al nostro corpo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Alcuni organismi fondamentali

Fra questi ce ne sono alcuni che sono di una grande importanza, come Blautia, Dorea, Roseburia, Ruminococcus, Faecalibacterium e Bifidobacterium. In genere si tratta di organismi detti probiotici, ognuno dei quali attiva una certa regolazione e protezione da malattie pericolose o altri problemi di salute. Non a caso questa protezione si è creata nel corpo in più di 700.000 anni.

Abitudini sbagliate e salute a rischio

Tutto questo emerge da una recente ricerca internazionale che ha scoperto come il microbiota degli uomini preistorici è la parte antica presente nel nostro corpo, e che purtroppo si sta distruggendo. Così dice Marco Candela, professore dell’Università di Bologna, che ha coordinato lo studio: “Oggi assistiamo ad una preoccupante riduzione della diversità del nostro microbiota, dovuta al contesto di vita moderno”.

Sono le abitudini alimentari sbagliate e i cibi di bassa qualità la causa della scomparsa di questi microorganismi. Lo stress della vita moderna, l’uso di alimenti ricchi di materie processate industrialmente, hanno indebolito il microbiota intestinale dell’uomo, generando malattie infiammatorie all’intestino, diabete di tipo 2 e cancro al colon.

Ecco cosa fare per non distruggere le difese più antiche del nostro corpo

Eppure basterebbe poco per riequilibrare il tutto. Adottare ad un’alimentazione sana e naturale, dove si trovano anche yogurt, crauti, kefir, tè kombucha, miso e tutti quei cibi che nutrono il microbiota intestinale. Forse è proprio l’ora di provare. Prima che il nostro corpo sia attaccato da agenti patogeni e non abbia le giuste difese pronte a fargli fronte.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te