Ecco cosa dar da mangiare ai pesci rossi per crescerli bene e come cambiare l’acqua correttamente

pesci rossi

Un bell’acquario può dare un tocco di classe alla nostra casa, soprattutto se originale e ben curato. All’interno potremmo scegliere i pesci che desideriamo, ma nel dubbio molti preferiscono quelli rossi. Forse perché si pensa che siano adatti a chi è alle prime armi, non essendo considerati impegnativi. Eppure, questi animali andrebbero tenuti regolarmente sott’occhio e trattati nel miglior modo possibile. Le attenzioni andrebbero rivolte certamente all’alimentazione, che non può essere casuale. Ma anche il contenitore nel quale li riponiamo e l’acqua in cui li immergiamo dovrebbero possedere requisiti particolari.

Consigli iniziali per la cura

Sapere come curare un pesce rosso è fondamentale per garantirgli una vita sana e felice, che durerebbe in media 20 anni. Questi piccoli animaletti, la cui grandezza massima è di 40 cm, hanno delle esigenze specifiche. La prima regola, che potrebbe sembrare banale, è quella di non esagerare nel riempire l’acquario. Il numero di esemplari dovrebbe rispettare le dimensioni della vasca, per non alterare la qualità dell’acqua. Se proprio volessimo prendere delle misure, sappiamo che ogni pesce dovrebbe avere a disposizione almeno 40 litri d’acqua. Pensiamo anche che lo spazio potrebbe già essere in parte occupato dalle piantine che abbiamo scelto.

Facciamo attenzione, poi, a non sottovalutare le condizioni dell’acqua stessa. Per evitare una concentrazione troppo elevata di nitriti o ammoniaca, dovremmo installare un impianto di filtrazione e assicurarci che funzioni correttamente. Un occhio andrebbe riposto anche sulla temperatura: il termometro dovrebbe segnare sempre i 18 gradi, o comunque non superare i 24.

Ecco cosa dar da mangiare a questi animali

Quando si tratta di animali domestici, le nostre scelte si indirizzano spesso sulla facilità di gestione. Come nel caso dei gatti, per cui si potrebbero preferire razze anallergiche e molto intelligenti. Ma, come abbiamo detto, la cura dei pesci rossi non sarebbe tra le più scontate. Un punto fondamentale per il loro sviluppo riguarda l’alimentazione. Ovvero, sapere qual è il pasto ideale e quanto spesso fornirglielo. Ebbene, il cibo migliore sarebbe costituito da mangimi specifici per loro, con un alto contenuto di carboidrati e un numero più ristretto di proteine. Basterà somministrarglielo una volta al giorno, in dosi contenute. Nel caso intendessimo preparare qualcosa in casa, invece, consultiamo prima il veterinario di fiducia.

Come sostituire l’acqua nella vasca

Dunque, ecco cosa dar da mangiare ai nostri pesciolini. E se invece fosse il momento di cambiare l’acqua nell’acquario? Anticipiamo innanzitutto che questa si dovrebbe preparare con anticipo. È importante, infatti, che raggiunga la stessa temperatura di quella attuale. Allo scopo si potrebbe versarla in qualche bottiglia di plastica, almeno 10 ore prima. Quella del rubinetto potrebbe andare bene, a patto che non contenga troppo cloro.

Nel momento della sostituzione, spostiamo il pesce con una retina e lasciamolo momentaneamente in una bacinella con un po’ d’acqua nuova. A questo punto dovremo sciacquare la vasca, servendoci di una spugnetta umida. Non utilizziamo prodotti chimici, i cui residui potrebbero compromettere la salute dell’animale. Terminiamo il compito riempendo l’acquario con l’acqua nelle bottiglie e rimettendovi all’interno il pesce. Per offrire delle condizioni ambientali sempre ottimali, dovremmo pensare di procedere al cambio dell’acqua almeno una volta alla settimana.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te