Ecco cosa bisogna fare prima di raccogliere funghi per evitare spiacevoli conseguenze

Con una media pro capite di circa 1,2 Kg di funghi consumati ogni anno, si può certamente affermare che gli italiani adorino questo particolarissimo alimento. Ad una passione prettamente gastronomica, si unisce poi la tanto amata raccolta dei funghi.

Una piacevole passeggiata per i boschi in cerca di funghi, in effetti, è sicuramente un bel modo per trascorrere una giornata all’aperto. Tuttavia, la raccolta dei funghi nasconde diverse insidie. Innanzitutto, data la grande varietà di specie esistenti, bisogna saper distinguere con certezza i funghi commestibili da quelli velenosi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Inoltre, una banale passeggiata in cerca di funghi, per quanto innocua, potrebbe anche portare a spiacevoli sanzioni.

Ecco cosa bisogna fare prima di raccogliere funghi per evitare spiacevoli conseguenze e prendere una multa

Per raccogliere funghi in totale sicurezza è necessario effettuare un corso obbligatorio ed ottenere le dovute autorizzazioni. Il corso ha una durata minima di 12 ore ed è normalmente svolto dalle A.S.L., da altri enti  locali o da associazioni micologiche regionali o nazionali. In caso di buon esito, il corso si conclude con il rilascio di un vero e proprio tesserino che autorizza il titolare alla raccolta.

Le regole per l’ottenimento del tesserino possono variare in base alla regione di residenza. In linea di massima per ottenerlo bisogna rivolgersi all’Ufficio Caccia e Pesca competente in base al luogo di residenza. Il  tesserino è personale e non è cedibile a terzi.

Ecco qual è il periodo migliore per la raccolta

Una volta chiarito cosa bisogna fare prima, ci si può poi finalmente dedicare alla raccolta. I funghi possono essere raccolti tutto l’anno. Il periodo ideale varia in base alla tipologia di fungo, al clima ed al territorio. Probabilmente uno dei periodi migliori è proprio quello che va da luglio fino a novembre. La fine dell’estate, ad esempio, è il momento migliore per i porcini.

Quindi, ecco cosa bisogna fare prima di raccogliere funghi per evitare spiacevoli conseguenze.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te