Ecco come vestirsi bene quando fa freddo dopo i 50 senza rinunciare allo stile e ad essere eleganti

Quando il freddo comincia a farsi pungente e non dà segno di tregua, è inevitabile correre ai ripari, tanto con l’alimentazione quanto con l’abbigliamento.

Abbiamo infatti già visto che il cosiddetto comfort food, oltre ad essere genuino, regala al nostro corpo la giusta energia per affrontare le basse temperature.

Senza, però, cadere nella monotonia di zuppe e minestroni, abbiamo suggerito una ricetta altrettanto equilibrata e genuina, ma decisamente più sfiziosa.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, bisogna ricordare che ci si può vestire in modo caldo senza rinunciare allo stile. Una regola che vale per tutte le età.

Difatti, ecco come vestirsi bene quando fa freddo dopo i 50 senza rinunciare allo stile e ad essere eleganti

Tra gli indumenti di stagione, sicuramente conducono le danze maglioni, sciarpe e berretti di lana. Caldi e morbidissimi, rischiano però di penalizzare l’aspetto fisico, facendoci sembrare più goffe e con qualche chilo in più.

Tuttavia, basta conoscere qualche trucchetto per ovviare all’inconveniente e risultare comunque ben coperte contro il gelo.

Non dobbiamo rinunciare ai nostri capi preferiti: infatti, ecco come vestirsi bene quando fa freddo dopo i 50 senza rinunciare allo stile e ad essere eleganti.

Il trucco per non rinunciare al cappotto

Partiamo dallo strato più esterno, che in questo periodo ci impone di puntare su corposi piumini, abbandonando i certamente più raffinati cappotti.

In realtà, potremmo comunque continuare a sfoggiare il nostro cappotto cammello, o di altro colore, beneficiando di questo semplice stratagemma.

È sufficiente optare per uno smanicato sottile, ma comunque caldo, da sistemare proprio sotto il cappotto.

Un esempio è il modello con interno in pile di H&M, da provare nella tradizionale versione corta o, se il soprabito lo consente, più lunga.

La camicia bianca di cotone

Un altro capo che rischia di trovare poco spazio a causa del clima rigido è la nostra amatissima camicia bianca di cotone, must dei saldi.

Non dimentichiamola sul fondo dell’armadio, ma abbiniamola ad un comodo pullover a manica corta o un bel gilet in maglia.

In ogni caso, i veri protagonisti dell’outfit stratificato, ma non ingombrante, sono gli indumenti termici, siano essi maglie o collant.

Maglie e collant termici

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le prime sono molto versatili in quanto comprendono modelli a girocollo, con scollo a V o dolcevita.

Il consiglio è quello di puntare su tinte neutre, quali nero, beige o bianco da indossare sotto cardigan o blazer, ma anche bluse e camicie.

I collant termici, dal canto loro, ci concedono il privilegio di non rinunciare a gonne e abiti anche nei mesi più freddi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te