Ecco come si prepara e dove si mangia questo piatto tipico italiano migliore del Mondo

Un piatto succulento d’origine prettamente italiana; che ha fatto la storia della nostra cucina, da Nord a Sud. Ha sfamato milioni e milioni di famiglie contadine e da sempre è stato sinonimo di bontà e semplicità: acqua e farina di mais. Fondamentalmente non serve altro per prepararla. Più cuoce e più diventa buona, anche se oggi ne esistono di varianti velocissime da preparare. Stiamo parlando della polenta.

Nelle settimane scorse abbiamo proposto i segreti che pochi conoscono per preparare in modo semplice e veloce una buonissima polenta taragna, oggi invece vogliamo consigliare un’altra ricetta molto gustosa. Tipica della cucina lariana e lecchese, la polenta uncia è un piatto davvero imperdibile. Lo possiamo preparare a casa, ma c’è un locale specializzato di questa vivanda che merita assolutamente una visita.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Ecco come si prepara e dove si mangia questo piatto tipico italiano migliore del Mondo

Iniziamo dicendo che il termine lombardo ‘uncia’ significa unta. E già questo può dare un indizio su come prepararla. È incredibile pensare come, spostandosi di qualche chilometro, possa mutare anche il nome dell’aggettivo. Conscia, concia, unscia, cunsa nei vari dialetti hanno lo stesso significato, ma ogni zona è gelosa della parola da associare al nome polenta.

Perché uncia? Perché si prepara la polenta nella maniera classica, aggiungendola all’acqua che bolle e continuando a mescolare per diversi minuti. L’eccezione, rispetto alla normalità, è che vanno selezionate due tipi di farine da miscelare insieme. Quella classica di mais e quella di grano saraceno, più scura e con i riconoscibili puntini neri. Per 6 persone possiamo scegliere di utilizzarne circa 200 grammi di gialla e 150 di saraceno, che verseremo a pioggia nel nostro litro d’acqua in ebollizione.

Mentre la polenta è in cottura, andiamo a preparare la “parte uncia”. Iniziamo tagliando 300 grammi di formaggio a dadini. La scelta dei latticini è fondamentale per la buona riuscita del tutto. Il giusto accoppiamento è il seguente: 150 grammi di formaggio semigrasso, da privilegiare l’Asiago, e 150 di formaggio grasso come la fontina. Se vogliamo, per darle ancora più sapore, grattugiamo del parmigiano. Mescoliamo, quindi, insieme le tre tipologie di formaggio. Dopodiché, in una padella facciamo soffriggere 150 grammi abbondanti di burro e diversi spicchi d’aglio a seconda di quanto amiamo questo sapore forte.

A questo punto, prendiamo una pirofila e stendiamo la polenta, versiamo sopra il mix di formaggi e copriamo con un altro strato di polenta. Ultimato questo processo, spargiamo il composto di burro fuso e aglio e amalgamiamo leggermente, badando a non girare troppo la polenta. La nostra uncia è da servire calda e fumante ai nostri commensali.

Uncia di Bellagio

E se non volessimo prepararla in casa, ma assaggiarla in un locale particolare? Ecco come si prepara e dove si mangia questo piatto tipico italiano migliore del Mondo, ovvero Rifugio Martina. Un clima da baita da montagna, in località San Primo a Lezzeno, sopra Bellagio.

Ci si arriva a piedi dopo una salita di una ventina di minuti attraverso un sentiero classico da alpeggio. Si godrà una vista spettacolare sul Lago di Como, circondati dalle montagne. Qui si potrà assaggiare la miglior polenta uncia del pianeta, abbinandola ad altri prodotti tipici del luogo, per un pranzo dal sapore davvero speciale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te