Ecco come sbloccare e bilanciare i chakra per la salute mentale e fisica

I chakra, secondo la tradizione indiana, sono sette punti energetici nel corpo. Sono presenti a partire dalla sommità del capo fino al coccige. Ognuno di questi ha un significato e una funzione precisa. Quello della radice è legato alla sicurezze e alla stabilità. Quello sacrale ai piaceri fisici. Il chakra del plesso solare rappresenta la stima di sé. Quello del cuore il mondo affettivo e la capacità di amare. Quello della gola è legato alla comunicazione.

Quello del terzo occhio simboleggia invece la percezione e creatività. E infine quello della corona è legato al mondo spirituale. Se siamo in uno stato di benessere i chakra saranno in equilibrio tra loro. Quando però ci sono dei problemi i chakra tendono a chiudersi o attivarsi troppo. In questo caso staremo male sia fisicamente che mentalmente. Ecco come sbloccare e bilanciare i chakra per la salute mentale e fisica.

Chakra bloccati o iperattivi

Di solito si parla solo di chakra bloccati o chiusi. I chakra possono infatti anche essere iperattivi. In ogni caso però si crea uno stato di instabilità da evitare. Quando un chakra è bloccato, infatti, avremo dei problemi in una sfera della nostra vita. Se ad esempio si blocca il chakra del plesso solare saremo insicuri e con poca fiducia in noi. Se invece ad esempio il chakra sacrale è troppo aperto rischieremo di essere troppo sensibili. Questi sintomi si riflettono anche sul corpo.

Chi di noi non si è sentito soffocare preso da troppa ansia? Se la mente è agitata o tesa, lo sarà anche il nostro fisico. Ecco perché è importate bilanciare i chakra. Di solito i problemi partono dai chakra bloccati. È per bilanciare questi che gli altri diventano iperattivi. Per portare pace nel corpo e nella mente dovremo quindi lavorare cercando di aprire i chakra bloccati.

Ecco come sbloccare e bilanciare i chakra per la salute mentale e fisica con le affermazioni

Ci sono molti modi per sbloccare i chakra. Alcuni di questi possono essere usati insieme. Per prima cosa bisogna però capire quali chakra sono bloccati. Per farlo bisogna guardarsi dentro. E chiedersi: in quali aspetti della mia vita mi sento più debole? Dove sono le mie ansie e insicurezze? Le risposte possono essere molteplici. Ogni chakra ha propri punti di forza e debolezza che possono essere alimentati grazie ad alcune teniche.

La prima è quella delle affermazioni. Bisogna quindi dire a voce alta una frase che dia conferma e sicurezza su di sé. Questa deve essere al presente. Se ad esempio abbiamo problemi col chakra del cuore possiamo sederci comodi, rilassarci e poi dire:  Io sono pieno d’amore, so dare e ricevere amore senza sofferenza. In questo modo il nostro cervello si abituerà a vedere come vera e positiva questa affermazione. A seconda dell’area in cui siamo deboli possiamo creare affermazioni utili.

Dieta e cristalli per sbloccare e bilanciare i chakra

Un altro modo è tramite la dieta. Ogni chakra è associato a un colore. Per sbloccare questi chakra bisogna mangiare cibi di quel colore perché pieni di specifiche sostanze nutritive. Il chakra del terzo occhio è indaco, quindi i cibi consigliati sono melanzane, uva e frutti di bosco.

Infine ecco come sbloccare e bilanciare i chakra per la salute mentale e fisica con i cristalli. I cristalli sono usati in molte tradizioni per la loro carica energetica. Ogni chakra è associato a determinati cristalli. Per aiutarci a sbloccare i chakra possiamo usare questi cristalli in molti modi. Possiamo ad esempio portarli sempre con noi. Possiamo inoltre tenerle in mano durante la meditazione. Utile è inoltre metterli sotto il cuscino o sotto l’area del corpo interessata durante il sonno.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te