Ecco come riciclare le uova di Pasqua realizzando un ingrediente utile anche per guarnire dolci in modo goloso

La Pasqua porta con sé la tradizione religiosa, la festa e naturalmente la dolcezza in tavola, questa dovuta all’abitudine di regalare le uova di cioccolato. A volte sono un dono, a volte le compriamo noi, in altre occasioni le uova di Pasqua si moltiplicheranno a dismisura in casa nostra, soprattutto se abbiamo dei bambini.

Il risultato più probabile è quello di essere sommersi da quintali di pezzi di cioccolato, certamente golosi ma di cui, a un certo punto, non sappiamo più che fare. Ma c’è un’idea intelligente che permette di non buttare gli avanzi di questi dolci tradizionali. Ecco come riciclare le uova di Pasqua sciogliendo a bagnomaria il cioccolato.

Realizzare una crema da guarnizione per dolci

I tanti pezzi delle dolci uova ricevute a Pasqua non saranno più dispersi tra ciotole, piattini o, peggio, sparsi sulla tovaglia, grazie al metodo di recupero della cottura a bagnomaria. Si tratta di un procedimento che permette di sciogliere i pezzi di cioccolato, dando origine a una crema. Questa si può utilizzare per guarnire dolci, torte, crepes, waffle, pancake. Si può mettere sulla panna del caffè oppure si può conservare per un utilizzo futuro. Scopriamo come procedere.

Ecco come riciclare le uova di Pasqua realizzando un ingrediente utile anche per guarnire dolci in modo goloso

Per sciogliere il cioccolato a bagnomaria dobbiamo radunare tutti i pezzetti avanzati dall’uovo di Pasqua e metterli in una ciotola. Nel mentre dovremo riempire una pentola capiente con acqua e metterla sul fuoco. Accenderemo la fiamma del gas attendendo l’ebollizione dell’acqua e, a quel punto, metteremo sulla pentola la nostra ciotola con i pezzi di cioccolato. In questo modo il calore sprigionato dall’acqua bollente inizierà a riscaldare il cioccolato. A quel punto dovremo utilizzare un cucchiaio di legno per mescolare il composto e favorire il suo completo scioglimento. Dobbiamo fare attenzione a non far mai toccare la ciotola con l’acqua bollente: i due recipienti devono avere in comune solo la minima vicinanza.

Quando il cioccolato si sarà completamente sciolto, avremo a disposizione una golosa crema da utilizzare per guarnire e decorare i nostri dolci o per farcire un tramezzino. Eventualmente potremo conservarla dentro un apposito contenitore, per un lavoro di farcitura da fare poco tempo dopo.

Lettura consigliata

Non in padella o in forno, questo gustoso contorno diverso dalle patate si prepara in un modo unico

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te