Ecco come preparare una tartare con questo pesce ricco di vitamine

Il mare, che in molti abbiamo appena lasciato, non deve farci dimenticare di conservare, nella nostra dieta, il pesce. Quanti ne hanno fatto una scorpacciata come se dopo le vacanze non potessero più mangiarne?

Magari perché si pensa che consumato vicino a dove si pesca sia migliore di quello che troviamo nelle pescherie o nei supermercati. In molti avrebbero da eccepire su questa teoria. Tuttavia, al mare o a casa, il pesce dovrebbe sempre far parte di quello che mangiamo settimanalmente.

Oggi andremo a suggerire una ricetta che riguarda uno dei più classici. Al solo nome, spesso, il riferimento è al cartoccio, il modo più tradizionale di prepararlo. Stiamo parlando dell’orata, diffusissima nei nostri mari. Riconosciuta per la sua carne dal forte sapore e ricca di vitamine. Oltre che dei classici omega 3, che tanto bene fanno al nostro colesterolo.

Prima di cucinare questa ricetta si suggerisce di lasciare l’orata nel congelatore per almeno 4 giorni, in modo da sconfiggere qualsiasi pericolo di batteri. Infatti, quello che proporremo è un modo per consumarla cruda. Di conseguenza, seguire questa procedura è fondamentale per non avere problemi.

Dopodiché, ecco come preparare una tartare con questo pesce, partendo dagli ingredienti. La accompagneremo con un letto di cetrioli e patate saltate in padella, per un secondo piatto completo e nutriente.

Ingredienti

  • 300 grammi di orata;
  • 1 carota;
  • 1 cucchiaino di capperi;
  • 2 filetti acciughe;
  • 5 foglie di basilico;
  • 1 ciuffo prezzemolo;
  • sale;
  • pepe;
  • 300 grammi di cetrioli;
  • 3-4 rametti di timo;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 2 patate;
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di aceto;
  • il succo di mezzo limone.

Ecco come preparare una tartare con questo pesce ricco di vitamine

Iniziamo dalla cottura più lunga, che è quella delle patate. Le possiamo fare al forno, ma saranno ugualmente ottime saltate in padella. Optiamo per questa scelta e andiamo a pelare l’aglio, sciacquare il timo e mettere entrambi a rosolare in una padella antiaderente con dell’olio extravergine. Quindi, tagliamo le patate a cubetti e andiamo ad aggiungerle. Saliamo, pepiamo e lasciamo cuocere per circa 45 minuti, girando le patate ogni cinque minuti.

Nel mentre, andiamo a lavare la carota. Tagliamola a fettine e mettiamola in un mixer. Andremo quindi ad aggiungere il basilico, i capperi, i filetti d’acciuga e una goccia di olio extravergine. Tritiamo il tutto finemente.

Poi, mettiamo il composto in una padella antiaderente e andiamo a rosolare per cinque minuti. Togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare. Intanto, tagliamo a cubetti la carne dell’orata e mettiamola in una terrina. Versiamole sopra il soffritto tiepido e mescoliamo spolverando con pepe e sale.

Non solo al cartoccio, ecco come preparare l’orata in maniera deliziosa

Dopodiché, peliamo e laviamo i cetrioli, affettiamoli, facendoli riposare per cinque minuti in un colapasta, cosparsi di prezzemolo tritato. Questo perché devono espellere il loro liquido amarognolo. Poi disponiamoli nei piatti e condiamoli con un filo di olio e qualche goccia d’aceto.

Uniamo le patate saltate e disponiamo al centro la tartare di orata. Possiamo darle una forma cilindrica o riempire delle formine per dolci o biscotti.

Condiamo con il succo di limone e un’ulteriore goccia di olio. Un piatto semplice, ma abbastanza inedito. Ideale per una cena, anche romantica, se volessimo fare bella figura. Da chiudere, magari, con un dolce altrettanto delicato, con una base di cioccolato.

Lettura consigliata

Per un secondo piatto economico e ricco di omega 3 benefici per il cervello, ecco come preparare al meglio questo pesce azzurro al forno

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te