Ecco come potremmo eliminare le mosche in casa in modo naturale con 2 trappole fai da te

Con l’autunno l’aria comincia a rinfrescarsi. Passare la giornata fuori casa diventa quindi indubbiamente molto meno confortevole rispetto al periodo estivo. Ma che piacere, tuttavia, al termine di impegni fuori nel freddo e nel maltempo rientrare finalmente a casa.

Purtroppo però non siamo gli unici a pensarlo e a trovare il tepore di casa nostra estremamente accogliente. Anche diversi insetti lo gradiscono e tendono in questo periodo a invaderla. Come le cimici, contro le quali possiamo usare questo preparato economico e naturale che le fa scappare e profuma la casa.

Vi è però un altro insetto particolarmente invadente e seccante, la mosca. Ecco, dunque, come potremmo eliminare le mosche in casa in modo naturale con 2 trappole fai da te.

Le mosche

Sono insetti presenti in qualunque ambiente e particolarmente fastidiosi e molesti. Ci disturbano in continuazione con il loro ronzio e non solo.

Se ciò non bastasse c’è da aggiungere che veicolano in più anche numerosi batteri, poiché solite appoggiarsi su feci e materiali organici in decomposizione. Insomma, antipatiche ma anche disgustose.

Sono velocissime, impossibili quasi da prendere. Infatti hanno una vista particolarmente sviluppata, in più avrebbero la capacità di elaborare ciò che le circonda molto rapidamente.

Più che la paletta acchiappamosche conviene valutare altri modi quindi per contrastarle.

Ecco come potremmo eliminare le mosche in casa in modo naturale con 2 trappole fai da te

Esistono diversi insetticidi, ma in molti casi potrebbero non essere la scelta ottimale. Li respireremmo anche noi in casa. In più molto spesso le mosche si aggirano attorno al cibo in cucina e a tavola, quindi utilizzare prodotti chimici in questo caso potrebbe non essere opportuno.

Possiamo in realtà realizzare orientativamente due trappole con ingredienti della cucina molto diffusi, in modo naturale quindi ma anche estremamente economico.

Approfitteremo proprio di ciò che le attira per ingannarle e potercene liberare.

Per la prima ci servirà un barattolo privo di tappo. Poniamovi all’interno miele e farina di mais.

La mosca, attirata dal dolce, dovrebbe posarvisi e rimanervi attaccata.

Stesso principio sfrutta la seconda trappola che è una sorta di carta moschicida ma realizzata in casa. Prendiamo della carta, può andar bene sia quella dei pacchi che quella del pane. Misceliamo acqua, zucchero, pepe e aceto di mele. Spennelliamo poi questo composto sulla carta.

In questo caso possiamo poi anche applicarvi un filo per porre la trappola in alto.

La soluzione zuccherina dovrebbe chiamare a sé le mosche e allo stesso tempo impedire loro di scollarsi.

Ulteriore consiglio è poi questo straordinario bulbo con fiori da fiaba il cui odore pungente dovrebbe tenere lontani i vari insetti.

Se dovessimo avere problemi su davanzali e balconi con questi animali invece proponiamo questa soluzione definitiva che libererebbe dai piccioni facendoli andare via subito.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te