Ecco come lavare le pantofole in lana cotta risparmiando sulla lavanderia e sulla bolletta

Il brusco calo delle temperature che imperversa ormai da qualche mese ci ha inevitabilmente costretti al cambio armadio. Gli indumenti leggeri lasciano il posto a cappotti e caldi maglioni e anche le calzature subiscono una decisa inversione di rotta.

Sandali floreali e infradito vengono infatti sostituiti senza ulteriori indugi da eleganti scarpe in pelle o vernice, nonché da morbide pantofole.

Le pantofole invernali

Proprio a proposito di ciabatte invernali, c’è davvero l’imbarazzo della scelta: da quelle pelose a quelle animate da simpatici pon pon, fino alle classiche babbucce.

La varietà di forme e colori, per quanto intrigante, è tuttavia accessoria: una buona pantofola deve prima di tutto scaldare i nostri piedi. Per questo, molti optano per un tipo di tessuto particolare: la lana cotta.

Trattandosi, però, di un materiale caratteristico, molto simile al feltro, possono sorgere dubbi sul trattamento da impiegare nella pulizia.

La soluzione è molto semplice: ecco come lavare le pantofole in lana cotta risparmiando sulla lavanderia e sulla bolletta.

I pregi della lana cotta

Calda, resistente e pesante la lana cotta è perfetta per la realizzazione di indumenti e accessori invernali, dai capi spalla alle ciabatte.

La sua qualità primaria è tuttavia quella di essere igroscopica, cioè è capace di assorbire l’umidità mantenendo il corpo caldo e asciutto. Questo effetto si ottiene a partire dalla follatura della lana filata. Si tratta di un processo che prevede l’infeltrimento e permette così di fissare tessuti e stoffe, compattandoli e rendendoli resistenti.

Il risultato è una tipologia di lana che si presenta più rigida rispetto a quella classica; la lavorazione subita le conferisce poi anche maggiore impermeabilità. Al tempo stesso, rimane comunque molto traspirante, evitando così la proliferazione di acari e batteri.

Ecco come lavare le pantofole in lana cotta risparmiando sulla lavanderia e sulla bolletta

La conformazione del tessuto appena descritta potrebbe tuttavia sollevare la questione di un lavaggio efficace e adeguato.

Non è necessario rivolgersi alla lavanderia sotto casa: bastano poche semplici mosse per la detersione delle nostre pantofole.

Istruzioni per lavaggio e asciugatura

Innanzitutto, provvediamo ad eliminare la polvere e la sporcizia superficiali con l’aiuto di una spazzola.

Riponiamo poi le ciabatte in lavatrice, impostando l’apparecchio sui 30° e scegliendo un detersivo specifico per lana o delicati: da evitare, invece, l’ammorbidente.

A lavaggio terminato, indossiamole per qualche secondo, così da restituire loro la forma e lasciamole asciugare all’aria, lontane da fonti di calore.

In questo modo, avremo risparmiato anche sull’asciugatrice.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te