Ecco come gustare il baccalà fritto in modo alternativo e da leccarsi i baffi

Il baccalà è un piatto tipico della tradizione natalizia. Molti lo cucinano fritto oppure all’insalata, come è usanza a Napoli durante le festività.
In questo articolo proponiamo una ricetta sana, ricca di ingredienti e gustosa dal sapore forte e intenso che piacerà sicuramente agli amanti di questo pesce.
Ecco come gustare il baccalà fritto in modo alternativo e da leccarsi i baffi stupendo amici e parenti.
Il baccalà alla messinese è un piatto siciliano che non tutti conoscono, ma assolutamente delizioso e da provare almeno una volta, oltre che profumato e molto semplice da realizzare.

Ecco gli ingredienti per sei persone:

a) 0,5 lt di brodo vegetale oppure di acqua;
b) 800 grammi di baccalà o stoccafisso;
c) 350 grammi di passata classica;
d) 2 cipolle;
e) una manciata di capperi;
f) 10 olive verdi in salamoia;
g) 5 cucchiai di olio extravergine;
h) pepe nero q.b.;
i) 3 patate medie;
l) sale q.b.;
m) 1 peperoncino;
n) 2 coste di sedano.

Ecco come gustare il baccalà fritto in modo alternativo e da leccarsi i baffi

Preparazione

Se acquistiamo il baccalà o stoccafisso sotto sale ricordiamoci di ammollarlo in acqua per tre giorni altrimenti risulterà molto salato quando andremo a mangiarlo.
Cominciamo con lo sbucciare e tagliare sottilmente la cipolla. Farla soffriggere per qualche secondo, assieme all’olio extra vergine di oliva e al peperoncino. Dopodiché aggiungere la passata, le olive, i capperi ed il sedano precedentemente tritato.
Girare il tutto con un cucchiaio di legno e versare un po’ di brodo, pepare, salare e unire il baccalà. Coprire con un coperchio e lasciare cuocere per una decina di minuti. Trascorso questo lasso di tempo aggiungere le patate precedentemente sbucciate e tagliate a pezzetti.
Versare ancora un po’ di brodo e lasciare cuocere per altri quaranta minuti. Durante la cottura controllare di tanto in tanto che il sugo non asciughi, nel caso aggiungere ancora un po’ di brodo.
Consigliamo di non girare mai il baccalà perché potrebbe rompersi, ma agitare leggermente la pentola afferrandola dai manici.
Il baccalà alla messinese va servito caldo.
È saporito e molto nutriente, per questo motivo può essere servito come piatto unico e accompagnato con delle fettine di pane tostate e irrorate con un po’ di olio extra vergine di oliva.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te