Ecco come dare nuova vita a quest’oggetto che diversamente finirebbe in un bidone

Nel corso della vita si acquistano tanti oggetti che vengono usati e consumati, fino a che, logorati definitivamente o perché semplicemente passati in secondo piano, finiscono dritti in un bidone dell’immondizia.

Se oggetti e materiali venissero però ripensati, riprogettati e trasformati in maniera creativa, invece che essere gettati via, si potrebbe evitare ad esempio di acquistare cose nuove. L’oggetto in questione potrebbe perdere delle caratteristiche ma acquistarne altre. Potrebbe così permettere non solo di riscoprire la propria manualità, ma anche di ottenere risultati a volte migliori dell’originale.

I 6 criteri fondamentali del “riutilizzo”

Quando si parla di riuso non ci si riferisce solo al fatto di evitare di buttare scarti. Ma l’obiettivo principale è quello di recuperare rifiuti e risolvere esigenze personali grazie al loro impiego. Esiste un piccolo decalogo per capire cosa e come riciclare:

  • Usare oggetti di facile reperibilità;
  • Ricreare oggetti utili per evitare di acquistarne altri nuovi;
  • Favorire la riduzione dell’impatto ambientale grazie al recupero e alla trasformazione di materiale di scarto;
  • Sfruttare al massimo le potenzialità dei propri rifiuti ed evitare di acquistare un’eccessiva quantità di materiali nuovi per creare oggetti utili con quelli di scarto;
  • Spendere poco per la realizzazione dei propri progetti;
  • Cercare di progettare oggetti originali, belli e funzionali che invoglino alla realizzazione.

Ecco come dare nuova vita a quest’oggetto che diversamente finirebbe in un bidone

Quante volte si decide di dare una sistemata in cantina, buttare via oggetti ormai dimenticati per dare spazio a cose nuove e ritrovare in un angolo una vecchia bici ormai inutilizzabile. È in questi momenti che bisogna giocare d’immaginazione e stupire sé stessi. È proprio con una ruota di bicicletta e un filo di lampadine di Natale, che sicuramente sarà in qualche scatolone nell’attesa di essere utilizzato, che si potrà dare libero sfogo alla fantasia. Ma ecco come dare nuova vita a quest’oggetto che diversamente finirebbe in un bidone.

Recuperare la ruota della bicicletta, sganciare il copertone ed estrarre la camera d’aria. Nell’eventualità sia ancora gonfia, sgonfiarla prima di estrarla.

Pulire accuratamente il telaio della ruota e nel caso sia da sgrassare, utilizzare un panno morbido, acqua tiepida e sapone di Marsiglia. Per quanto riguarda la raggiera, è importante essere molto delicati. Se si ha difficoltà nel pulire i punti in cui sono fissati i raggi, aiutarsi con un vecchio spazzolino.

Una volta terminata la pulizia, per ridare lucentezza al metallo e prevenire la formazione di aloni, è sufficiente usare un panno con una soluzione di acqua e aceto.

Infine arrotolare con criterio il filo di luci attorno alla ruota e fissarlo in un solo punto con una fascetta autobloccante (bruttina ma funzionale).

Appendere la ruota alla parete con un gancio adatto, collegare il cavo delle luci ad una presa elettrica e il gioco è fatto.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te