Ecco chi ha sfruttato il Covid per diventare multi miliardario

La pandemia di Covid ha contagiato anche l’economia, mandando a rotoli nel giro di pochi mesi interi settori e migliaia di aziende. Ma come in tutte le guerre oltre ai vinti ci sono ovviamente i vincitori. Perciò in questo articolo scopriremo chi ha sfruttato il Covid per diventare multi miliardario.

I big tech americani

Negli ultimi mesi i colossi americani del digitale hanno registrato ricavi in crescita, consolidando una posizione da monopolista nei rispettivi mercati.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Basti pensare che nei primi 10 mesi dell’anno, l’indice borsistico Nasdaq 100, che aggrega le cento aziende tecnologiche Usa più grandi, ha guadagnato il 26,56%. Nello stesso periodo l’indice italiano Ftse Mib 40 ha perso il 23,67%.

Ecco chi ha sfruttato il Covid per diventare multi miliardario

Amazon, nei tre mesi da luglio a settembre ha incassato 96,15 miliardi di dollari, +37% rispetto allo stesso trimestre del 2019, con utili triplicati a 6,3 miliardi e risultati al di sopra di ogni più rosea aspettativa.

Apple è a quota 64,7 miliardi di dollari nel trimestre luglio-settembre, in crescita dell’1% e con utili pari a 12,67 miliardi (-7,4%).

Alphabet, ovvero, la società che controlla anche Google e YouTube, nei tre mesi luglio-agosto-settembre 2020 ha avuto ricavi per 46,17 miliardi di dollari (+14% sullo stesso trimestre 2019), con utili per 11,25 miliardi di dollari (+59%).

Microsoft ha chiuso il trimestre con 37,2 miliardi di dollari di ricavi (+12%), utili per 13,9 miliardi (+30%), con 772 milioni di iscritti a LinkedIn e 115 milioni di utenti giornalieri sulla piattaforma di videoconferenze Teams.

Facebook si ferma a 21,47 miliardi di dollari nel trimestre luglio-settembre, +22% sullo stesso periodo 2019, con utili per 7,85 miliardi di euro (+29%) e 2,74 miliardi di utenti al giorno (+12%).

Ci sono, poi, i 2,6 miliardi di dollari di ricavi di eBay (+25%), i 936 milioni di dollari di incassi per Twitter (+14%) o i 443 milioni di dollari di Pinterest (+58%).

Per scoprire come i miliardari non pagano le tasse in maniera legale consulta questo articolo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te