Ecco alcuni posti dove possono annidarsi cattivi odori in casa e cosa fare per evitarli

Se vogliamo avere una casa sempre pulita e profumata, dobbiamo prendercene cura molto frequentemente. Bisogna fare pulizie regolarmente, usare i prodotti giusti per ogni superficie e organizzarsi bene per massimizzare i risultati.

Soprattutto, non bisogna sottovalutare nessuna zona della casa. Se lo facciamo, infatti, rischiamo di trovarci delle zone sporche o che emanano cattivi odori in men che non si dica. Oggi, in particolare, ci concentriamo sugli odori, trovando le loro cause principali e agendo di conseguenza. Ecco, infatti, alcuni posti dove possono annidarsi cattivi odori in casa e cosa fare per evitarli.

Le zone da controllare più frequentemente

Tra le zone a maggior rischio puzza troviamo la stanza dove teniamo stesi i vestiti appena lavati. Può sembrare un controsenso, siccome in teoria sono pulitissimi. Tuttavia, proprio i vestiti bagnati possono essere portatori di cattivi odori, a causa dell’umidità che sprigionano e che può essere veicolo per diversi batteri. Cerchiamo, quindi, di mettere tutto a stendere all’aperto ove possibile, miglioreremo la salubrità della casa.

Ancora più puzzolente può essere il cesto della biancheria sporca lasciato in bagno. Infatti, questo cesto normalmente non puzza molto, a meno che non ci sia una marea di abiti sporchi dentro. Ma se il cesto è in bagno, è esposto all’umidità della doccia, che può creare terreno fertile per i batteri sulla biancheria sporca. Quindi, cerchiamo di mettere il cesto in una zona asciutta o si trasformerà in covo di odori terribili.

Ecco alcuni posti dove possono annidarsi cattivi odori in casa e cosa fare per evitarli

Proseguiamo con il letto, che potrebbe portare qualche odore sgradevole. Infatti, anche se ci laviamo frequentemente, le lenzuola tendono a catturare lo sporco che abbiamo sulla pelle e nel tempo possono iniziare a puzzare in maniera sgradevole. Per questo, assicuriamoci di cambiare le lenzuola spesso. Una buona idea potrebbe essere di lavarle una volta ogni due settimane se facciamo la doccia la sera, e una volta a settimana se facciamo la doccia la mattina. Infatti, se ci laviamo la mattina, durante la giornata raccogliamo della sporcizia che poi si trasferisce nel letto.

Insomma, queste sono zone a rischio che troppo spesso vengono sottovalutate.

Ci sono poi altre zone che invece sono notoriamente fonte di odori, come ad esempio la lavatrice, che deve essere sottoposta a pulizie frequenti. A questo proposito, si può approfondire la pulizia della lavatrice seguendo questo articolo, che indica come pulirla utilizzando un prodotto che molti hanno in casa.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te