È stupefacente ritrovarsi soldi in più sul conto corrente con 1 solo click giusto e vincente

Il correntista medio detiene all’incirca 18mila euro sul c/c, assicurandosi al 100% una perdita secca annua di centinaia di euro.

In quest’articolo dimostreremo dove si nascondono le perdite che i correntisti non vedono. Ma aggiungeremo anche quanto poco basti per mettere fine a questo stillicidio di euro.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Detto ciò, è stupefacente ritrovarsi soldi in più sul conto corrente con 1 solo click giusto e vincente.

Quanti risparmi tenere fermi per le spese e quanti invece metterli a rendere?

Fino a una certa soglia, è bene possedere dei soldi sui c/c perché gli imprevisti e le esigenze di denaro extra non mancano mai. Oltre alle spese ordinarie da sostenere con carta di credito oppure prelevando un congruo contante.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Ma superata questa soglia molto variabile e personale, l’eccedenza depositata sul c/c è solo una fonte sicura di perdita di soldi. Peraltro con il nostro stesso consenso, perché deliberatamente scegliamo di non investire per proteggere.

Si può infatti investire sia per difendere il potere d’acquisto dei soldi che già abbiamo, sia per farli crescere. In questa sede ci limitiamo solo al 1° caso.

Le perdite da cui guardarsi

Bene, le falle da cui escono i soldi dal nostro c/c sono tre.

In primis, le spese di tenuta conto che mediamente ammontano a 55 euro l’anno. I più economici sono i c/c online, mentre il più costoso è quello bancario tradizionale; il prodotto postale si colloca nel mezzo.

Poi abbiamo i 34,20 euro annui di imposta di bollo che il nostro risparmiatore paga quando la giacenza media eccede i 5mila euro.

Infine l’inflazione, ossia il costo che non si vede ma che fa più danni dei primi due costi messi assieme. Per il 2021 il Dipartimento del Tesoro ha stimato un tasso di inflazione pari allo 0,50%. Quindi su 18mila euro di deposito sul c/c avremo una perdita certa (in termini di potere d’acquisto) di circa 90 euro.

Nulla da eccepire: è stupefacente ritrovarsi soldi in più sul conto corrente con 1 solo click giusto e vincente

Vediamo allora quali strade può percorre un risparmiatore avverso al rischio ma che intenda proteggere il 100% del suo potere d’acquisto.

Immaginiamo due risparmiatori tipo, uno che sia cliente dei prodotti postali e l’altro dei prodotti bancari (online o del tipo tradizionale). Ed entrambi con giacenza c/c esattamente pari a 18mila euro.

Nel primo caso si potrebbe pensare, giusto per fare un esempio, di depositare la liquidità “in eccesso” (ad esempio 15mila) sui buoni fruttiferi postali. Hanno il vantaggio di non costare nulla né in sede d’acquisto, né in corso d’opera, né al momento del riscatto, che può avvenire in qualsiasi momento.

I tassi d’interesse non sono altissimi: qui al link illustriamo l’attuale offerta completa. Ma nel complesso danno due vantaggi: uno, consentono di ridurre la giacenza media del conto al di sotto dei 5mila euro. Quindi avremmo eliminato l’imposta di bollo dei 34,20 euro.

Secondo, comunque ci garantiamo un minimo di rendimenti positivi. Morale: non abbiamo azzerato tutti costi, ma per lo meno li abbiamo ridotti.

È stupefacente ritrovarsi soldi in più sul conto corrente con 1 solo click giusto e vincente

Il nostro secondo risparmiatore potrebbe invece decidere, per esempio, di spostare la liquidità eccedente in un conto deposito (CD). Hanno infatti garanzia fino a 100mila euro e in genere non hanno costi di apertura, gestione e chiusura conto.

I prodotti senza vincolo danno libertà di chiuderlo in qualsiasi momento. Tuttavia, gli interessi attivi offerti sono bassi, intorno allo 0,30%-0,50% annuo a seconda di chi lo propone. Anche in questo caso, quindi, i nostri 3 costi di partenza sarebbero solo ridotti ma non eliminati.

I CD a vincolo danno invece rendimenti più alti. Anzi, alcune promozioni danno la possibilità di maturare fino al 3% in alcuni casi particolari (qui al link riportiamo i dettagli). In simili casi pertanto la probabilità di difendere il 100% del proprio potere d’acquisto è dunque elevatissima.

Morale: a volte basta veramente poco per ottenere tanto. O, detta diversamente, è stupefacente ritrovarsi soldi in più sul conto corrente con 1 solo click giusto e vincente.

Consigliati per te