È questa la cosa più importante per scegliere il cibo migliore per i nostri cani

Tutti quelli che hanno un amico a quattro zampe si trovano spesso a interrogarsi sulla scelta del cibo migliore per lui. Camminando su e giù per le corsie del supermercato spesso sono sopraffatti dall’enorme offerta sugli scaffali e dal fatto che non esista una risposta secca ai loro dubbi.

Questo perché ogni cane è un essere a sé con gusti ed esigenze nutrizionali particolari.

Ma non c’è da preoccuparsi perché ci sono alcuni parametri che possono aiutarci a scegliere.

È questa la cosa più importante per scegliere il cibo migliore per i nostri cani

Per scegliere al meglio è importante che ogni proprietario sappia leggere e interpretare l’etichetta.

L’etichetta è regolamentata dalla FEDIAF, ovvero la Federazione Europea dell’Industria degli Alimenti per Animali da Compagnia. Questa federazione regolamenta l’etichettatura degli alimenti affinché i proprietari e le autorità di sorveglianza possano leggere in maniera semplice tutte le etichette sul mercato.

Cosa dobbiamo guardare e i suggerimenti per non sbagliare

Saper leggere l’etichetta significa sapere che su di essa devono essere riportati gli ingredienti, gli additivi, i componenti analitici e i valori nutrizionali.

Un’etichetta senza queste informazioni non è conforme alla normativa e andrebbe evitata.

Infatti, è proprio questa la cosa più importante per scegliere il cibo migliore per i nostri cani.

Ingredienti

La successione nell’elenco non è casuale ma in ordine: il primo ingrediente è quello presente in maggiore quantità e a seguire tutti gli altri.

Facciamo attenzione anche alle percentuali che troviamo. Se ad esempio troviamo la dicitura “carne e derivati di origine animale (pollo 10%)” si potrebbe pensare che ci sia solo pollo. In realtà significa che il produttore garantisce un minimo di 10% di carne di pollo ma possono comunque essere presenti altri tipi di carne (ad esempio manzo, maiale).

Additivi

Gli additivi vengono aggiunti al cibo per completare il profilo nutrizionale (vitamine, minerali, aminoacidi) o per conservare più a lungo gli alimenti (conservanti, antiossidanti). Gli additivi sono regolamentati dall’Unione Europea. Essa permette solamente l’utilizzo di sostanze sicure e innocue per la salute degli animali, testando rigorosamente ogni mangime in commercio.

Componenti Analitici

È l’elenco delle percentuali di proteine, grassi, fibre, ceneri, minerali presenti nel mangime. In merito ai componenti analitici bisogna menzionare le ceneri grezze. Spesso questa indicazione spaventa i proprietari ma in realtà sta solamente ad indicare la parte minerale contenuta nell’alimento. Le ceneri sono il residuo della procedura analitica che si utilizza al momento della produzione.

Indicazioni Nutrizionali

Grazie alle indicazioni nutrizionali il proprietario può somministrare la giusta quantità di cibo assicurando all’animale un corretto apporto nutrizionale e senza rischiare di portarlo al sovrappeso.

Il primo passo per la scelta

La scelta del cibo migliore dipende da numerosi fattori: età, quantità di attività giornaliera e condizioni particolari quali gastriti, dermatiti, sovrappeso, intolleranze. È quindi molto importante consultare prima un veterinario.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te