È possibile chiedere i permessi Legge 104 per assistere più persone con disabilità anche se si tratta di zii e cugini?

La Legge 104/92 all’articolo 33 delinea chi sono le persone che possono assistere il familiare con disabilità. Secondo la normativa hanno diritto a fruire dei permessi Legge 104 il coniuge, le coppie (unioni civili Legge Cirinnà), i parenti e affini di secondo grado. Un Lettore chiede agli Esperti di ProiezionidiBorsa se è possibile chiedere i permessi Legge 104 per assistere più persone con disabilità anche se si tratta di zii e cugini? Verifichiamo cosa prevede la normativa e quando è possibile.

La normativa per fruire dei permessi Legge 104

Una sentenza della Cassazione la numero 2013/2016 prevede la possibilità di fruire dei permesse Legge 104 anche per i conviventi di fatto. Ma è possibile chiedere i permessi Legge 104 per assistere più persone con disabilità anche se si tratta di zii e cugini?

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Nello specifico la normativa prevede che un dipendente pubblico o privato, anche con un rapporto di lavoro determinato può fruire dei tre giorni di permesso al mese. Inoltre, i permessi Legge 104 si possono fruire in giorni e ore in base alle esigenze del lavoratore.

Il Decreto Legislativo n. 119/2011, ha modificato l’articolo 33 specificando la possibilità di fruire dei permessi Legge 104 anche per più persone. L’INPS ha identificato i gradi di parentela qui

L’assistenza a più persone solo in alcuni casi

In effetti la normativa specifica che il lavoratore ha diritto a prestare assistenza a più persone con disabilità grave. Ma individua le persone che bisogna assistere: nel coniuge, oppure nei parenti o affini al primo grado, o parenti o affini del secondo grado. Inoltre, l’assistenza è possibile solo  a condizione che il coniuge o i genitori della persona disabile abbiano compiuto 65 anni di età. Oppure, siano affetti da patologie invalidanti certificate, o mancanti, o deceduti.

Per patologie invalidanti la circolare INPDAP del 14 febbraio 2011 specifica che la sussistenza deve risultare da un’idonea documentazione medica.

Questi son gli unici casi in cui è permesso la cumulabilità dei permessi. Inoltre, per assistere un parente o affine al terzo grado non è mai permesso la pluralità dei permessi.

Ricordiamo che nei permessi Legge 104, assume importanza il referente unico. Consigliamo di consultare la nostra guida: il referente unico dei permessi Legge 104 può essere sostituito da un altro familiare?

Consigliati per te