È possibile arredare gratis il proprio ufficio domestico destinato allo smart working grazie al bonus di 516 euro previsto dal Governo

Con l’avvento del Covid 19, lo smart working che in Italia era conosciuto solo di nome, è diventato di fatto la regola. Sicché, moltissime persone, che prima utilizzavano l’ufficio come principale luogo di lavoro, oggi, invece, lavorano in casa dal proprio Pc.

Questo significa che le proprie abitazioni sono diventate, con il cosiddetto lavoro agile, i luoghi principali di lavoro. Inoltre, la normativa sullo smart working verrà prorogata fino al 31 dicembre 2021. Ciò non solo per i dipendenti dalla Pubblica Amministrazione ma anche anche per quelli del settore privato.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Il bonus da 516 euro previsto dal Governo

Per queste ragioni, lo Stato ha pensato bene di offrire un incentivo per attrezzare a ufficio la parte di casa adibita allo smart working. Il tutto, sia per supportare i lavoratori nell’espletamento della loro attività lavorativa “delocalizzata”, sia per offrire un input ad un settore in crisi.

Infatti, quella dei mobili per ufficio è un’industria che ha subito enormi contraccolpi a causa della crisi. Sarà possibile, quindi, arredare gratis il proprio ufficio domestico destinato allo smart working, grazie al bonus da 516 euro previsto dal Governo.

È possibile arredare gratis il proprio ufficio domestico destinato allo smart working grazie al bonus di 516 euro previsto dal Governo

Ebbene, la parte dell’abitazione adibita a smart working potrà essere arredata grazie all’incentivo statale. Infatti, il Decreto Sostegni bis ha prorogato l’aumento dell’incentivo a 516,46 euro (prima 258,23) previsto a favore dei lavoratori. Si tratta di un importo che essi possono spendere in beni e servizi.

Detto beneficio in precedenza si è utilizzato principalmente per l’acquisto di prodotti tecnologici. Tuttavia, esso può essere destinato anche all’acquisto di mobili. In particolare, tra i beni acquistabili, vi sono scrivanie, sedie ergonomiche, prodotti di illuminazione, e così via.

Insomma, alla trasformazione del lavoro si deve accompagnare un adeguamento delle spese per il lavoro. Di conseguenza, le postazioni lavorative vanno attrezzate nella maniera adeguata. Ciò per consentire al prestatore di lavorare in piena sicurezza, avvalendosi delle necessarie strumentazioni.

Approfondimento

Smart working e politiche del lavoro

Consigliati per te