È importantissimo controllare che i prodotti che acquistiamo non contengano questi 10 ingredienti tossici

Oramai, grazie alla costante informazione, stiamo molto più attenti a ciò che acquistiamo. Tuttavia, spesso accade che non ci accorgiamo della presenza di taluni elementi dannosi contenuti nei prodotti. Ciò in quanto, tranne i più pubblicizzati come alluminio e parabeni, talvolta, gli altri ingredienti nocivi ci cono sconosciuti. Talaltra, invece, l’elenco degli ingredienti che compongono il prodotto, è scritto in piccolo o in un’altra lingua. Quindi, riesce difficile anche leggerlo. Fatto sta che i prodotti che ogni giorno portiamo a casa, vengono a contatto con la nostra persona. Quindi, entrano in contatto con la nostra pelle e il nostro organismo. Pertanto, è importantissimo controllare che i prodotti che acquistiamo non contengano questi 10 ingredienti tossici. Per far ciò, dobbiamo imparare a leggere le etichette. Vediamo, quindi, con attenzione, quali sono questi elementi, per poi operare la scelta giusta al momento dell’acquisto.

È importantissimo controllare che i prodotti che acquistiamo non contengano questi 10 ingredienti tossici

Dobbiamo prestare attenzione ai prodotti che utilizziamo per la cura del corpo e per la nostra bellezza. Come indicato, è importantissimo controllare la loro composizione, perché alcuni ingredienti potrebbero essere dannosi per la nostra salute. Ricordiamo, infatti, che detti ingredienti entrano in contatto con la nostra salute e vengono introdotti nel nostro corpo. Uno degli errori da evitare è quello di pensare che scegliere il prodotto in base al brand, sia una garanzia. Quindi, scegliere brand famosi, conosciuti, costosi non significa sempre scegliere il meglio. Anch’essi, talvolta, infatti, contengono ingredienti aggressivi, irritanti e tossici. Dunque, è molto utile utilizzare la lista che faremo a breve, come guida che ci orienta durante gli acquisti.

L’elenco degli ingredienti tossici da evitare

Ecco l’elenco degli elementi da evitare:

1) parabeni. Essi si trovano nella maggior parte dei prodotti di cura della pelle, anche se ultimamente molti ne sono privi. Sono nocivi perché possono interferire con la riproduzione e lo sviluppo;

2) alluminio, che si trova in molti cosmetici, deodoranti e antitraspiranti. Esso, può aumentare il rischio di cancro al seno, in quanto i sali di alluminio possono danneggiare il DNA cellullare;

3) fragranza o profumazione aggiunta. Essa è contenuta nella maggior parte dei profumi, nelle acque di colonia e nei prodotti per la cura della persona. È nociva perché può interferire con gli ormoni e provocare reazioni allergiche.

4) flatati, che si trovano nella plastica, negli smalti per le unghie e nelle profumazioni aggiunte. Essi sono dannosi perché possono fungere da ormoni e agire sul sistema riproduttivo maschile;

5) catrame di carbone, che troveremo solitamente nelle tinture dei capelli, negli shampoo antiforfora e nelle creme contro il prurito. Esso può provocare irritazioni, eruzioni cutanee, fotosensibilità e follicoliti.

Altri ingredienti da evitare

6) Formaldeide, che ritroviamo nello smalto, nei gel, nella colla per unghie e nei prodotti liscianti per i capelli. Si tratterebbe di una sostanza nociva che può causare irritazioni oculari, nasali e della gola;

7) sodio lauriletere solfato, che si trova nello shampoo, nel bagnoschiuma e, in generale nei prodotti schiumogeni. Esso, a contatto con le mucose, può causare dermatiti e irritazioni oculari;

8) triclosano, anch’esso presente in bagnoschiuma, dentifrici e nelle creme depilatorie. Può causare dermatiti o irritazioni cutanee;

9) idrochinone, presente nei prodotti schiarenti per la pelle e nelle tinte per capelli. Meglio evitarlo perché può provocare irritazioni e causare fotosensibilità;

10) olio minerale, che si trova nei rossetti, nelle lozioni, nelle creme e negli unguenti. Esso, può ostruire i pori e scatenare acne e punti neri.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te