È dissetante questo frutto e farebbe bene in gravidanza, proteggerebbe l’intestino e ridurrebbe anche la cellulite ma ha anche queste controindicazioni

L’ananas è un frutto esotico originario del Brasile e giunto in Europa in un secondo momento. Esistono diverse tipologie di ananas, che andranno a cambiare il gusto e l’aspetto del frutto stesso. L’aspetto curioso è legato al fatto che, rispetto ad altri frutti, non matura una volta che è stato raccolto. Dunque, sarebbe necessario raccoglierlo una volta che è ben maturo per poter godere del suo dolce sapore. È uno dei frutti a più basso contenuto calorico, infatti 100 g di ananas contiene 50 kcal e poi:

  • 86 g di acqua;
  • 10 g di carboidrati;
  • 0,50 g di proteine;
  • 0 g di colesterolo e grassi.

È dissetante questo frutto e farebbe bene in gravidanza, proteggerebbe l’intestino e ridurrebbe anche la cellulite ma ha anche queste controindicazioni

Quando sentiamo parlare dell’ananas si dice sempre che brucia i grassi. Questo, in realtà, non è vero. L’assunzione di ananas non è correlata al metabolismo dei grassi, però ha tanti altri benefici utili per la nostra salute. Ha un buon contenuto di fibre e questo andrebbe a ridurre l’indice glicemico. Di conseguenza può essere consumato dai soggetti diabetici. Avendo un buon contenuto di vitamina C, potrebbe essere ottimo per i primi raffreddamenti. Sono presenti anche vitamina B6, calcio, rame, magnesio. Il consumo di ananas sembrerebbe collegato ad una buona digestione. Questo perché, grazie alla bromelina, vengono digerite le proteine. Digerendo le proteine si avrà una migliore digestione dei cibi. Oltre a questo, la bromelina potrebbe essere anche utile per la cellulite e la ritenzione idrica, infatti ha un forte potere diuretico e andrebbe a ridurre i liquidi in eccesso.

L’assunzione di ananas in gravidanza non è correlata, come si pensa, a problemi per il feto. Di conseguenza si potrà consumare tranquillamente. Tra le tante proprietà che vengono attribuite a questo frutto, c’è quella di essere un buon antinfiammatorio. In particolare, va ad inibire un enzima preciso che è alla base di tutti i processi infiammatori del nostro organismo e riduce anche il numero dei globuli bianchi. Proprio grazie a queste proprietà, potrebbe essere ottimo in casi di intestino irritabile, artrite o addirittura per ridurre i sintomi dell’asma.

Quanto mangiarne, controindicazioni e come sceglierlo

È consigliabile mangiarne 2 o 3 fette (150 g). Si può consumare anche più volte a settimana, solitamente si consiglia di alternare con altri frutti, in modo da avere una dieta varia, sana ed equilibrata. È dissetante questo frutto e farebbe bene in gravidanza, però chi soffre di ulcera dovrebbe limitarne il consumo per evitare controindicazioni. Inoltre, interagirebbe anche con alcuni farmaci chemioterapici. Per l’acquisto dell’ananas è consigliabile scegliere il frutto che, rispetto ad altri, presenta un odore molto dolce e abbia un colore giallo arancione della buccia. Scegliere un frutto troppo verde significa che sarà acerbo e non tanto succoso.

Lettura consigliata

Pochi lo sanno ma questo frutto che contiene vitamine e antiossidanti potrebbe nascondere tanti benefici per la salute dell’organismo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te