Due idee semplicissime per utilizzare il latte avanzato prima che vada a male

A chi non è capitato di lasciare un cartone di latte aperto nel frigo per poi ricordarsene quando manca poco alla scadenza? Buttarlo via sarebbe un peccato, ma sappiamo anche che sarà difficile consumarlo tutto prima che scada.

ProiezionidiBorsa TV

Niente paura, in questi casi si può facilmente correre ai ripari. Esistono delle ricette deliziose che richiedono una buona quantità di latte. In questo modo potremo utilizzarlo tutto prima che vada a male, combattere lo spreco alimentare, e non sperperare il nostro denaro.

Ecco due idee semplicissime per utilizzare il latte avanzato prima che vada a male.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Assicurarsi che il latte sia ancora buono

Innanzitutto, assicuriamoci che il latte sia ancora buono. In questi casi, fidiamoci del nostro naso: se il latte ha un odore di rancido, purtroppo va buttato.

Un trucco per far durare il latte più a lungo è di non conservarlo mai nella porta del frigo (ecco perché).

Se ci siamo assicurati che il latte sia ancora adatto per il consumo, ecco due idee semplicissime per utilizzarlo prima che vada a male.

Budino

Il budino è un dolce semplicissimo da fare, e adorato da tutta la famiglia.

Possiamo facilmente trovare al supermercato dei misti pronti per preparare il budino in pochi minuti. Ce n’è per tutti i gusti: dal classico budino al cioccolato, a quello alla fragola, fino ai più raffinati vaniglia o pistacchio. Per prepararlo basta mettere il contenuto della confezione in una pentola antiaderente, aggiungere lo zucchero, e poi poco per volta il latte. Fare il budino è facilissimo, basta ricordarsi di mescolare con attenzione per evitare la formazione di grumi. Una volta versato il composto nello stampo, il nostro budino sarà pronto da gustare in pochi minuti.

Due idee semplicissime per utilizzare il latte avanzato prima che vada a male: il semolino

Il semolino è un piatto della tradizione del nord Italia che ora molti chef stanno riscoprendo. È anche un ingrediente fondamentale del famoso fritto misto alla piemontese.

Fare il semolino in casa è semplicissimo. Basta portare il latte fin quasi a ebollizione, aggiungere un paio di cucchiai di zucchero, e poi poco per volta la farina di semolino, mescolando fino a ottenere la consistenza desiderata. Poi va versato in una pirofila bassa e larga, dove raffreddandosi diventerà più consistente.

È ottimo così com’è, oppure impanato e fritto.

Buon appetito!

Consigliati per te