Draghi ora è all’angolo

Il dato sull’inflazione annuale in Italia di ieri, uscita a +1.5% contro le attese a +1.4%, rischia di mettere a breve in seria difficoltà Draghi e la sua politica accomodante sui tassi in area UE.

Negli USA sia pure con calma e gradualità inusitate i tassi sono in aumento già da un po’, la Gran Bretagna da tempo va per i fatti suoi e il recente rialzo a 0.75% in completa “solitaria”, nel senso che questo rialzo è giunto senza l’accompagnamento di mosse simili di altri paesi; ebbene questo disancoramento dell’UE in ambito di politica monetaria, rispetto ai paesi di riferimento,  viene visto in modo molto negativo dall’area più aggressiva dei paesi UE , Germania ed Olanda in testa.

“HYCM”/
“HYCM”/

Draghi è stato più volte attaccato e anche accusato di tenere una politica di QE se non esclusivamente pro- Italia quasi… come se questo stesso tipo di politica non avesse favorito anche la ripresa tedesca, il contenimento della crisi delle  banche commerciali teutoni più selvagge e in generale la tenuta dell’UE.

Che poi se l’Italia andasse veramente in crisi veramente non sarebbe una “nocciolina” come la Grecia sia a livello globale che tanto meno per l’Unione Europea.

Che poi il contenimento dell’inflazione è più importante della lotta alla disoccupazione?

Quando le due cose diventano incompatibili è corretto privilegiare l’ambito monetario e quello politico inteso come ricerca del bene comune?

Quale bene comune vi può essere se una percentuale elevata di popolazione non ha lavoro o comunque non dispone di un reddito sufficiente per il sostentamento?

Le risposte a queste domande in una società civile sono scontate e scontato quindi dovrà o dovrebbe essere consentire a Draghi di proseguire in una logica monetaria che pur con limiti sugli interventi sulle banche che non hanno dato vera soluzione al problema (e ciò è causa di molto dei problemi irrisolti) ha comunque tenuto in piedi e riavviato, sia pure in grande disequilibrio tra le varie nazioni, una ripresina anche in area UE di sua competenza.

Dal comportamento del board della BCE e dalle conseguenti risposte dei vari governi capiremo quali sono le vere priorità che ci girano sopra le teste.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te