Draghi è stato senza sale di Gianluca Braguzzi

La drammatica situazione del sistema bancario italiano e non solo, avrebbe richiesto decisionismo e fantasia. Invece, certamente complici i veti tedeschi, ancora una volta Draghi si è limitato ad annunci di nuove prospettive di QE e a intervenire sui tassi di remunerazione dei depositi per le banche (ormai negativi).
Nulla di nuovo dunque e soprattutto nulla di concreto e tanto meno di immediato.
I mercati stanno provando a reagire ma non credo che questo tipo di approccio sia risolutivo per questa nuova ondata di crisi che prima che borsistica è sistemica . E soprattutto è una riproposizione , di problemi mai risolti in ambito al sistema bancario internazionale.
Anzi col peggioramento dovuto all’estensione di modelli che pur perdenti sono stati scopiazzati anche da diversi paesi emergenti, Cina in testa.
Si continua a coltivare il progetto di ritmi di crescita non sostenibili con aziende orientate soltanto a fare utili sempre più rilevanti, le ricchezze concentrate in mano e meno dell’1% della popolazione, metà della popolazione mondiale che vive in povertà e il resto che tira a campare. Credo che sia tempo di cambiare il modo di pensare e piantarla di accettare tutto supinamente come ineluttabile.
Cambiare si deve!
Gianluca Braguzzi è un gestore di fiondi comuni di investimento
I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te