Dove andrà il fiume di denaro degli investimenti nei prossimi mesi

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Sui mercati azionari è in atto una rotazione. Gli investimenti che fino a ottobre hanno premiato alcune Borse e alcuni settori, si stanno spostando. E’ un movimento che riguarderà l’ultima parte dell’anno e probabilmente buona parte del 2021, almeno i primi sei mesi. Ecco dove andrà il fiume di denaro degli investimenti nei prossimi mesi, secondo gli Esperti di ProiezionidiBorsa.

Sui mercati c’è in atto una rotazione

L’arrivo della pandemia a metà febbraio ha rimescolato le carte sui mercati finanziari. Le conseguenze del Covid hanno ridisegnato gli investimenti mondiali e spinto gli investitori a uscire da molti mercati per concentrarsi solo su alcuni.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Da marzo a fine ottobre abbiamo assistito a una pioggia di investimenti sulla Borsa USA, in particolare sui titoli tecnologici, e sulle obbligazioni governative. Ad essere penalizzati sono stati i mercati europei. Basta guardare le performance a oggi delle Borse USA e di quelle del Vecchio Continente. Wall Street è sui massimi storici, le Borse europee ne sono molto lontane.

Ma il clima sembra cambiato. Da inizio di novembre si è assistito una forte ripresa delle quotazioni in Europa, in particolare sulla Borsa italiana. E ad un forte apprezzamento dei settori azionari più penalizzati (banche, turismo e viaggi, energia e materia prime, industria), a scapito dei titoli tecnologici.

Dove andrà il fiume di denaro degli investimenti nei prossimi mesi

Ce lo dicono i numeri. Nell’ultimo mese, dal 20 ottobre a oggi, il Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) di Piazza Affari, ha guadagnato oltre il 10%. L’indice pan europeo Euro Stoxx 50, ha guadagnato il 6,5%. Mentre l’indice tecnologico USA Nasdaq e l’indice tedesco Dax, hanno guadagnato attorno al 2,5%.

Buona parte del guadagno della Borsa italiana da inizio novembre, deriva dai titoli bancari e dai titoli dell’energia. Entrambi i settori sono molto forti in Piazza Affari.

L’indice settoriale Ftse Bank, ha guadagnato il 15% nello stesso lasso di tempo. BPER Banca solamente nell’ultima settimana, ha guadagnato quasi il 20%.

Le Borse europee, in particolare quella italiana, e i settori più colpiti dalla pandemia, stanno entrando nel mirino degli investitori. Comprano perché hanno maggiori margini di guadagno e perché sono i settori che più si gioveranno di un ritorno alla crescita economica.

Approfondimento

Questa l’analisi multidays e il punto sui mercati internazionali dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te