Dopo un pessimo 2020 Leonardo ci lascia con un barlume di speranza per l’anno che verrà

Dopo un pessimo 2020 Leonardo ci lascia con un barlume di speranza per l’anno che verrà. L’analisi grafica di lunghissimo periodo, infatti, lascia attiva una proiezione rialzista che promette obiettivi di prezzo molto interessanti.

Che il 2020 sia stato un pessimo anno lo si vede dalla figura seguente dove è riportata la performance dell’ultimo anno per i titoli europei del settore difesa e aerospazio. Leonardo, infatti, ha perso oltre il 40% mentre gli altri titoli seppure, con un rendimento negativo, hanno contenuto le perdite.

Anche il confronto con l’andamento dei settori difesa e aerospace a stelle e strisce rende evidente la debolezza di Leonardo.

Nonostante ciò per gli analisti il titolo è da comprare subito visto che il consenso medio è Buy con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione media del 40%. Anche l’analisi basata sui multipli di mercato conferma la forte sottovalutazione di Leonardo. In particolare il PE del titolo è circa un fattore 4 inferiore rispetto alla media del mercato. Ci sono, quindi, tutti i presupposti per un forte rialzo del titolo.

blank

blank

Quali sono i mesi rialzisti per il titolo?

Nella figura seguente è riportato per ciascun mese dell’anno la probabilità che la chiusura sia superiore all’apertura mensile. La percentuale media indicata è calcolata su tutti gli anni che vanno dal 20108al 2020.

Notiamo come maggio e giugno siano i mesi con la minore probabilità (33%) che la chiusura sia superiore all’apertura. Viceversa, il mese di mese di marzo è quello con la maggiore probabilità (75%) che la chiusura sia superiore all’apertura.

blankDopo un pessimo 2020 Leonardo ci lascia con un barlume di speranza per l’anno che verrà: le indicazioni dell’analisi grafica

Leonardo Finmeccanica (MIL:LDO) ha chiuso la seduta del 30 dicembre in ribasso dell’1,17% rispetto alla seduta precedente a 5,91 euro.

La chiusura trimestrale ha portato alla rottura della resistenza in area 5,7 euro aprendo la strada al raggiungimento del I obiettivo di prezzo in area 8,44 euro. L’eventuale rottura in chiusura trimestrale di questo livello, poi, aprirebbe le porte al raggiungimento del II obiettivo di prezzo in area 12,84 euro. La massima estensione del rialzo, poi, si trova in area 17,34 euro.

Solo una chiusura trimestrale inferiore a 5,7 euro farebbe accantonare lo scenario rialzista.

Da notare che al momento la svolta rialzista non è accompagnata ne’ da un segnale di BottomHunter che dello Swing Indicator.

leonardo

Leonardo: proiezione rialzista in corso sul time frame trimestrale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Approfondimento

Quali investimenti consigliano analisti e case di brokeraggio per il 2021?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te