Dopo questa distinzione non avremo più dubbi su quale metodo scegliere per ottenere un perfetto impasto lievitato fatto in casa

Durante la quarantena, impastare è diventato una vera e propria abitudine. Si passava in cucina la maggior parte delle ore. Si cercava di combattere la noia, sfruttando il potere consolatorio del cibo.

Sui social un boom di immagini. Pizza, pane, lievitati di ogni genere. Impastare ci aiutava a scaricare la tensione e a ritrovare la serenità.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Impastare, quindi, ci rende felici. Ora dobbiamo decidere solo come fare. Possiamo rimboccarci le maniche e utilizzare il vecchio metodo della nonna, o ricorrere alle nuove tecnologie.

E quindi dopo questa distinzione non avremo più dubbi su quale metodo scegliere per ottenere un perfetto impasto lievitato fatto in casa.

Impastare a mano

Impastare come ci hanno insegnato le nostre nonne, ci permette di lavorare con le mani e sentire facilmente la consistenza dell’impasto. Questo è un metodo ancora oggi utilizzato dai grandi professionisti. Prevede l’utilizzo di una ciotola che viene fatta girare con una mano. Nel frattempo l’altra lavorerà l’impasto, portandolo verso il centro. Questo movimento, consente una buona ossigenazione del composto.

Se non si ha molta manualità e si è poco esperti, si può lavorare l’impasto su una spianatoia.

Avere le mani in pasta, ci permette di sentire la sua consistenza, correggendo di volta in volta i piccoli errori. È un momento che ci permette di rilassarci a costo zero.

La criticità però è che, questo metodo allunga di molto i tempi di preparazione e ha bisogno di una notevole dose di forza.

Impastare con la planetaria

La planetaria è un robot da cucina composto da paletta, frusta e gancio. Il braccio meccanico si muove imitando il movimento dei pianeti e consente alla frusta o al gancio di raggiungere ogni parte del recipiente. È un elettrodomestico versatile e utile per diverse preparazioni. Quindi con la planetaria, i tempi si riducono, si velocizza il metodo e si mantiene sempre costante la temperatura, intorno ai 12 gradi. Un costante utilizzo, però, potrebbe surriscaldare la macchina e compromettere la temperatura.

Le ultime considerazioni

Dopo questa distinzione non avremo più dubbi su quale metodo scegliere per ottenere un perfetto impasto lievitato fatto in casa.

In realtà non c’è un metodo migliore dell’altro. Entrambi presentano dei punti di forza e delle criticità. Ma sono validissimi per ottenere un ottimo risultato.

Consigliati per te