Dopo il 90% di crescita nell’ultimo anno, dove arriverà questo titolo azionario?

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Esistono azioni profittevoli nei settori più eterogenei. Il caso di studio di oggi è un titolo azionario che dopo il 90% di crescita nel 2019 ha ancora molto da offrire agli investitori. Si tratta di una società che ha fatto del benessere fisico e anche della moda il suo core business, investendo sull’abbigliamento sportivo.

Con il suo famoso marchio a forma di Omega, Lululemon Athletica è divenuto ormai un simbolo per tutte le generazioni a cui piace restare in forma indossando abbigliamento di tendenza. E a giudicare dalle stime sono tante, visto che quasi il 75% delle nuove generazioni ma anche delle più vecchie fa attività fisica almeno una volta la settimana. È facile immaginare come siano importanti tali dati per la crescita aziendale e le performance sui mercati in termini di guadagni.

Un marchio divenuto tendenza che potrebbe garantire grossi profitti sui mercati

Lululemon Athletica (NASDAQ:LULU) nasce in Canada nel 1998 inizialmente come produttore di “Yoga pants” ovvero pantaloni attillati studiati appositamente per fare Yoga. Può contare sul primato di aver inserito “athleisure” nel vocabolario dell’abbigliamento sportivo, che ormai identifica proprio quel particolare tipo di pantaloni. Grande forza di marketing e attenzione ai trend, poi hanno fatto si che i suoi prodotti potessero varcare anche la soglia del puro ambito sportivo, diventando abbigliamento di tutti i giorni.

Dopo il 90% di crescita nell’ultimo anno dove è diretto il titolo Lululemon Athletica?

Se analizziamo gli ultimi tre anni, la performance sui mercati è stata ottima, circa il 350% di guadagno. Un trend che al momento sembra essere inarrestabile, probabilmente proprio grazie al fattore moda e tendenze.

Grafico Lululemn Athletica

Su base annuale (nel grafico) il titolo Lululemon Athletica sembra essersi mantenuto per tutto il tempo in un canale rialzista, passando dai 121 dollari di gennaio ai 232$ di fine 2019. Per quanto riguarda i fondamentali, le trimestrali hanno tutte passato il test egregiamente. E per il primo trimestre 2020 sono attese performance doppie rispetto a quelle dell’ultimo quarto. Da un punto di vista degli utili, infatti, i dati mostrano un incremento del 44,7%.  Anche le stime future sono decisamente positive, con un +14,76% per i prossimi tre anni su base annuale.

Le raccomandazioni degli analisti  stimano un target a 241,97$ ma in base al calcolo del fair value si è in presenza di una sopravvalutazione anche molto alta.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te