Doni di Natale sensazionali con l’oro vegetale

Facciamo dei doni di Natale sensazionali con l’oro vegetale. Basta con i soliti regali improvvisati e banali. Facciamo acquisti mirati e originali, sfruttando la lucentezza del “capim” dorato.

Si tratta di una fibra vegetale appartenente alla famiglia “eriocaulaceae” (syngonanthus nitens). Questa pianta erbacea cresce prevalentemente in Brasile, nella regione Jalapão situata nello Stato di Tocantins.

È in questa zona desertica del Paese che trova terreno fertile il “capim dourado” (questo il nome della pianta in portoghese). Vediamo meglio quali sono le caratteristiche di questo portento della natura. Cerchiamo di capire, poi, perché è davvero conveniente regalare l’oro vegetale a Natale.

Tecniche sapienti di lavorazione

La caratteristica principale del capim d’oro risiede nella sua lucentezza. La raffinatezza e l’eleganza di questa fibra la rendono esteticamente uguale al metallo prezioso.

La fioritura della pianta inizia in piena estate per raggiungere, poi, la piena maturazione a settembre. In base ai vincoli governativi, solo da settembre, e non oltre il mese di novembre, è possibile raccogliere gli steli del capim. Questi, poi, devono essiccare per circa 48 ore una volta raccolti. Dopodiché è possibile immergerli nelle bacinelle d’acqua per iniziare a lavorarli. Il passaggio in acqua rende la fibra più flessibile. Evitando, in tal modo, che si possa spezzare durante la fase di lavorazione.

Le tecniche artigianiali dell’oro vegetale risalgono molto indietro nel tempo. Dalle ricerche storiche emerge che addirittura gli indios usavano la fibra per realizzare i cesti per trasportare le vivande.

In Brasile, gli artigiani del capim tramandano sapientemente di generazione in generazione la manualità e i segreti per lavorare questa fibra incantevole.

Anche in Italia, da qualche anno, è stato importato il capim d’oro. Alcuni giovani imprenditori hanno colto le ottime potenzialità legate alla produzione e al commercio dell’oro naturale.

Perché regalare il Capim d’oro a Natale

Ci sono molti motivi per fare dei doni di Natale sensazionali con l’oro vegetale. Innanzitutto è conveniente sotto il profilo economico.

Partendo da poche decine di euro si possono acquistare le più svariate creazioni artigianali. In alcuni casi è più corretto parlare di veri e propri pezzi d’arte. Questi vanno dalle borse ai monili. E non solo, anche dai suppellettili ai cappelli.

Un’altra valida ragione riguarda l’impatto ambientale connesso alla produzione del capim. Infatti, i materiali usati, così come le tecniche di lavorazione, sono totalmente ecosostenibili.

E qui notiamo una grossa differenza con l’oro tradizionale. Quest’ultimo ha degli altissimi costi di produzione. Oltre che degli alti costi sui prodotti finiti. E anche delle conseguenze negative sull’ambiente.

Infine, consigliamo di fare dei doni originali con il capim. Il design raffinato delle realizzazioni in oro naturale lascia veramente sbalorditi. La professionalità di chi tratta questa pianta, inoltre, è la vera garanzia di qualità e di pregio dei manufatti.

Approfondimento

Ecco quanto oro ha l’Italia

 

Consigliati per te