Dividendi mai così pochi: si è tornati indietro di undici anni

Uno studio del gruppo Janus Henderson ha messo sotto la lente di ingrandimento i dividendi nel secondo trimestre 2020. A livello globale le aziende hanno distribuito veramente noccioline. Dividendi mai così pochi: si è tornati indietro di undici anni. La recessione causata dall’emergenza sanitaria del coronavirus ha affinità con la grande crisi del 2009. Oltre 100 miliardi di dollari di cedole sono andate in fumo.

Perché si è arrivati a questo punto

Le aziende hanno provveduto a mettere in cantiere delle misure di salvaguardia per tutelare i propri bilanci. La prima decisione presa è stata quella di non distribuire utili. Le aziende hanno rafforzato i bilanci per combattere l’emergenza in pieno corso e soprattutto per affrontare la ripresa.

Il valore dei dividendi

Tra aprile, maggio e giugno il valore dei dividendi è crollato del 22% a livello globale. Il 27% delle società hanno tagliato i dividendi, di queste il 50% ha cancellato completamente le cedole. Una misura drastica ma necessaria, vista l’incertezza del momento. Il mondo intero ha agito in questo modo, fatta eccezione del Nord America. In Canada è avvenuto un caso unico e raro: i dividendi sono aumentati del 4,1% compensando la contrazione degli Stati Uniti dello 0,1%.

I dati peggiori

I dividendi hanno avuto il crollo maggiore in Europa e Regno Unito. Questo ultimo stato ha toccato il 54% costringendo multinazionali a rivedere i piani. Aviva, Royal Bank of Scotland,  Barclays,  Royal, Dutch Shell,  BP  e  Lloyds Banking Group hanno ridotto o addirittura azzerato le cedole.

In Europa il crollo dei dividendi è stato del 40%. Parliamo di 67 miliardi di dollari, le cedole hanno toccato i livelli di un decennio fa. Tra gli Stati europei c’è la mosca bianca. La Svizzera ha sofferto di meno, pagando gli azionisti.

Cosa si prospetta in futuro

Dal gruppo Janus Henderson non filtra molto ottimismo. I dividendi del 2020 toccheranno i livelli della crisi finanziaria globale. I dividendi globali si manterranno superiori a 1 trilione di dollari anche per il 2021. Dividendi mai così pochi: si è tornati indietro di undici anni e ci sarà ancora da soffrire.

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te