10 modi per generare reddito in pensione
Ricevi aggiornamenti periodici e scarica senza spese La guida completa al tuo Reddito pensionistico. Scopri di più >>

Disoccupazione stabile in Francia e i prezzi?

La mattinata macroeconomica si è aperta con alcuni dati sulla disoccupazione che non alterano il quadro generale del momento attraversato dall’Europa:

  EUR Tasso di disoccupazione francese (3° trim.) 9,1% 9,2% 9,1%
  EUR Indice tedesco dei prezzi di produzione (Mensile) (Ott) 0,3% 0,3% 0,5%
  EUR Indice tedesco dei prezzi di produzione (Annuale) (Ott) 3,3% 3,3% 3,2%

 

In Francia la disoccupazione batte leggermente le attese al 9.1% versus 9.2% ma resta in linea col dato precedente.

Ora sarà interessante vedere se Macron tenderà a vedere il bicchiere mezzo pieno di un dato che non peggiora la situazione occupazionale o il bicchiere mezzo vuoto di una disoccupazione che , percentualmente, resta comunque su livelli allarmanti.

Da come si sta disinteressando della violenta protesta dei gilet gialli andandosene in viaggio in Germania e demandando il tutto alle forze dell’ordine, si può pensare che tutto sommato il presidente francese si ritenga soddisfatto. Peccato per lui che ormai circa il 90% dei francesi non la pensi come lui.

Certo siamo lontani dal picco del 2015 a 10.4% ma molto più sopra di quando nel 2001 al momento dell’entrata in vigore dell’euro il dato sulla disoccupazione francese era al 7.8%.

Disoccupazione e prezzi: quali effetti?

Per fortuna di Draghi invece il dato sui prezzi alla produzione tedeschi è uscito in linea con le attese sia su base mensile che su base annuale.

Certo, il 3.3% annuo supera la rilevazione precedente, posta a +3.2%, ma non così significativamente da porre Draghi e la BCE in condizione di intervenire.

Sì, perché l’ultima uscita pubblica di Draghi ha lasciato aperte molte porte sulle intenzioni a breve termine della BCE: da un lato l’ipotesi, per la verità molto ottimistica, di una proroga del QE, dall’altro la possibilità che la Banca Centrale Europea inizi a pensare seriamente a rialzare i tassi di interesse nel caso i segnali di incremento dei prezzi prendessero una consistenza inflazionistica.

Decisione che risulterebbe produrre effetti drammatici per paesi come Francia, Italia, Spagna e Portogallo che vivono livelli di disoccupazione massimali rispetto al decennio trascorso se non addirittura da inizio secolo.

Per ora meglio così dunque , il dato odierno consentirà a Draghi ed alla BCE di mantenere, se non altro, gli standard attuali.

Disoccupazione stabile in Francia e i prezzi? ultima modifica: 2018-11-20T08:46:42+00:00 da Gianluca Braguzzi
Opera sui Mercati con XM
Opera sui Mercati con XM
Sicurezza e affidabilità per il tuo trading professionale con FXDD
Sicurezza e affidabilità per il tuo trading professionale con FXDD

Prova i segnali di Borsa per due mesi a 120 euro

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.