Dimagrire previene anche il mal di testa secondo uno studio americano 

Mantenere un corpo in sovrappeso non è sicuramente indice di salute per il nostro organismo. Tutte le funzioni e le attività sono in parte compromesse, con esposizione concreta a malattie degenerative anche importanti. Attenzione che dimagrire previene anche il mal di testa secondo uno studio americano dell’Università di Miami. Vedremo come l’abbinamento emicrania-obesità non sia assolutamente casuale, ma correlato e non strettamente legato all’età.

La prova del 9 negli stessi pazienti

Dimagrire previene anche il mal di testa secondo uno studio americano, ripreso anche in Italia dal prestigioso ateneo di Padova. Una nelle università più antiche e migliori d’Europa. Stando infatti ai ricercatori, i pazienti che sono riusciti a dimagrire in maniera significativa, hanno cominciato a soffrire anche meno di cefalea. Dagli studi evidenziati, con il coinvolgimento di 500 pazienti, è risultato che siano soprattutto le donne a beneficiare di questo cambiamento positivo. Le emicranie non solo sarebbero meno frequenti, ma perderebbero anche di intensità durante l’avvenimento.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Non solo effetto calorico ma anche energetico

La teoria secondo la quale dimagrire porti ad allontanare il mal di testa è decisamente innovativa. Sostiene che le troppe calorie sviluppino energia negativa per il nostro organismo. Quindi l’incidenza del mangiare male e di una dieta squilibrata non sarebbe solo diretta, ma anche indiretta. Ricordiamo quali sono i principali effetti nocivi del sovrappeso sul nostro corpo:

  • ipertensione;
  • diabete;
  • malattie cardiovascolari;
  • difficoltà respiratorie;
  • possibili eventi cerebrali.

Il legame diretto tra obesità e mal di testa

Qualche Lettore potrebbe farsi la domanda, per altro appropriata su quale sia effettivamente il legame diretto tra i chili di troppo e il mal di testa. Partendo dal presupposto, come tutti sappiamo, che il cervello ci riserva ancora spazi di conoscenza, l’ipotesi è quella di un’infiammazione acuta. Concorrerebbero, poi all’aumento significativo di questo binomio pericoloso: dei pasti irregolari, il consumo o l’abuso di alcolici, una vita sedentaria, un sonno breve e disturbato. Per tutti questi motivi, medici e scienziati invitano i genitori a educare bambini sull’importanza di una dieta corretta e di curata già da piccoli, che possa prevenire l’insorgere di malattie. Anche, e, soprattutto attraverso il controllo del peso forma.

Approfondimento     

Possiamo mangiare una pizza anche se siamo a dieta?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te