Diciamo addio all’aceto per le pulizie: ecco perché l’acido citrico è molto meglio

Molti consigli di pulizia casalinga si basano su ingredienti di origine naturale che già abbiamo in casa. I due in assoluto più gettonati sono senza dubbio aceto e limone. Eppure uno di questi, nonostante sia molto funzionale, dovrebbe essere lasciato da parte e sostituito da un altro prodotto ugualmente valido e che ha altri enormi vantaggi. Diciamo addio all’aceto per le pulizie: ecco perché l’acido citrico è molto meglio.

Che cos’è l’acido citrico e dove comprarlo

L’acido citrico è un acido derivato dalla natura. Infatti questo prodotto versatile e utilissimo è contenuto negli agrumi. Si tratta di un acido debole ottimo per sostituire l’aceto nei rimedi di pulizia casalinga e che può anche sostituire alcuni prodotti tradizionali. Con l’acido citrico infatti possiamo tranquillamente produrre in casa molti rimedi di pulizia e non solo. Possiamo infatti usarlo come scioglicalcare, ammorbidente, brillantante, disincrostante, igienizzante, disgorgatore di scarichi, detersivo per vetri, deodorante, balsamo capelli, tonico viso, fissante per colori. Trattandosi però di un acido non possiamo usarlo su marmo, cotto, pietra naturale e legno.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

L’acido citrico si può trovare online, nei supermercati, nelle farmacie e nei negozi di prodotti naturali, ecologici, biologici o di prodotti sfusi. Tuttavia si può anche trovare a prezzi vantaggiosi nelle enoteche e nei consorzi agrari. Viene venduto sotto forma di polvere solubile in acqua.

Gli enormi vantaggi

Diciamo addio all’aceto per le pulizie: ecco perché l’acido citrico è molto meglio. Ma perché l’acido citrico è così vantaggioso? Ecco quindi i suoi enormi vantaggi, basati su studi scientifici:

  • inquinamento: l’acido citrico inquina ben 53 volte in meno dell’aceto;
  • odore: a differenza dell’aceto l’acido citrico è inodore;
  • efficacia: l’acido citrico è funzionale come e più dell’aceto;
  • risparmio: si comprano meno prodotti perché si autoproducono in casa;
  • riduzione dei rifiuti: comprando meno prodotti i rifiuti domestici diminuiscono.

Anche se può sembrare incredibile l’aceto è fortemente nocivo per l’ambiente e soprattutto per gli ecosistemi acquatici. Infatti per neutralizzare un 1% di acido acetico servono ben 1.667l di acqua. Invece per neutralizzare la stessa concentrazione di acido citrico servono appena 31,3l di acqua, cioè 53 volte di meno.

Inoltre l’acido acetico corrode moltissimo i metalli, molto più dell’acido citrico. Per farsi un’idea del potere corrosivo dell’acido acetico basta pensare che viene usato nei test ufficiali per stabilire la qualità dell’acciaio inox!

Consigliati per te